Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Carlo Buccirosso al Supercinema di Castellammare di Stabia


Carlo Buccirosso al Supercinema di Castellammare di Stabia
26/10/2011, 12:10

Castellammare di Stabia. Dopo il successo de “La pazienza differenziata” la stagione teatrale del Supercinema continua con lo spettacolo di Carlo Buccirosso. Sabato 29 e domenica 30, alle 21, si terrà “Il Miracolo di Don Ciccillo” con Carlo Buccirosso e Valentina Stella, affiancati da Gianni Parisi, Claudiafederica Petrella, Gino Monteleone, Sergio D’Auria, Tilde De Spirito, Giordano Bassetti, Davide Marotte e Graziella Marina.
Carlo Buccirosso è Alberto Pisapia un ristoratore alle prese con un ristorante sull’orlo del fallimento; Valentina Stella invece è Valeria Vitiello, sua moglie, personaggio combattivo, esuberante e sanguigno. La storia si basa sulla condizione psichica di Alberto il quale da circa quattro anni vive in una grande condizione di stress. L’esaurimento nervoso dell’uomo è causato dalla crisi economica del paese, dalla condizione di precarietà della propria attività e da alcuni investimenti sbagliati fatti sotto consiglio del fratello Ernesto. Si ritrova, infatti, a dover combattere una personale disperata battaglia contro gli attacchi spietati dell’Equitalia.
Inizia dunque una terapia di disintossicazione seguita dal dottor Pasquale Cinquegrana e dalla giovane infermiera Angela, tesa a recuperare la lucidità del paziente, attraverso la rappresentazione di una realtà diversa da quella ingarbugliata, che logora ormai da tempo la serenità e la pazienza di Alberto Pisapìa, nonché della sua intera famiglia. Condizione che verrà aggravata da un altro problema, la minaccia mortifera e pestilenziale di sua suocera Clementina.
La rassegna teatrale curata dall’attore Lello Radice, attualmente impegnato ne “Il giudizio universale” di Armando Pugliese che fino al 30 ottobre sarà al teatro Augusteo di Napoli, proseguirà il 5 novembre con il “Burbero Benefico”. “La serata di apertura della rassegna teatrale è stata un successo – afferma Radice – e questa è la testimonianza che Castellammare ha una profonda cultura teatrale e che risponde con entusiasmo quando vengono proposti appuntamenti di qualità”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©