Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Carlo Buccirosso e "Il Miracolo di Don Ciccillo" al Chiostro SS. Trinità e Paradiso


Carlo Buccirosso e 'Il Miracolo di Don Ciccillo' al Chiostro SS. Trinità e Paradiso
05/08/2011, 16:08

Vico Equense - Grande attesa per la nuova divertente commedia di Carlo Buccirosso che si esibirà, al Chiostro SS. Trinità e Paradiso di Vico Equense, domenica 7 agosto in "Il Miracolo di Don Ciccillo" di cui è anche autore e regista. Carlo Buccirosso porta in scena i drammi della vita quotidiana interpretando Alberto, che gestisce un ristorante di periferia ormai sull'orlo del fallimento!... Sposato con Valeria Vitiello, giovane donna sanguigna dal carattere combattivo ed esuberante, è padre di due figli, l'uno disoccupato, scapestrato e superficiale, l'altro laureato, riflessivo e pacato. Alberto vive ormai, da quasi quattro anni, una situazione di grande disagio psichico che negli ultimi tempi ha assunto la conformazione di un vero e proprio esaurimento nervoso! Difatti, un po´ a causa della crisi economica del paese, un pò a seguito di una serie di investimenti avventati consigliatigli dal fratello Ernesto, suo avvocato e socio in affari, Alberto si ritrova a combattere una disperata battaglia contro gli attacchi spietati dell'Equitalia che, con inesorabile precisione, lo colpisce quotidianamente, nella quiete della propria abitazione, ipotecata da tempo, con cartelle esattoriali di tutti i tipi! Il medico che lo ha in cura, il dottor Pasquale Cinquegrana, aiutato dalla giovane infermiera Angela e dalla fedele governante della famiglia Pisapìa, Titina, lo sottopone ad una terapia di disintossicazione, tesa a recuperarne la lucidità. Ma un altro grosso problema complica definitivamente la sua guarigione, un ostacolo insormontabile, un male inesorabile dal quale un solo "vero miracolo" può salvare la vita di Alberto Pisapìa, liberando per sempre la sua anima da lucidi e perversi pensieri di morte... la minaccia mortifera e pestilenziale di sua suocera Clementina!

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©