Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Carlo Porcaro presenta il suo libro al Much More di via Partenope


Carlo Porcaro presenta il suo libro al Much More di via Partenope
05/01/2013, 09:04

NAPOLI. Buona la prima. Dopo la riuscitissima presentazione di venerdì, 21 dicembre, negli eleganti spazi di “Much More” a Chiaja, “Indiscreto a Palazzo”, opera prima del giornalista Carlo Porcaro, torna a far parlare di sé. E lo fa nella sala del suggestivo restaurant “Much More” di via Partenope a Napoli dove, venerdì 10 gennaio, alle ore 17, il libro edito da Spazio Creativo Edizioni, secondo titolo della collana “A colpi d’inchiesta” sarà nuovamente presentato al pubblico. Un’autentica carrellata su fatti e misfatti compiuti dai politici della Terra Felix negli ultimi 20 anni, tra fatture gonfiate per ottenere i rimborsi, anomalie nei registri per intascare il gettone di presenza, ladri di cappotti, consigliere con la fissa dell’estetica, passando tra passerelle di moda allestite ai piani bassi del grattacielo dell’isola F13 fino alle solerti amanti di onorevoli ricevute direttamente negli uffici oppure in appassionate e ufficiali “sedute di lavoro” in compiacenti alberghi del Centro Direzionale. Di questo ed altro parla Porcaro nel suo “Indiscreto a Palazzo”. Il tutto condito in rigorosa salsa bipartisan, perché intrallazzi e ruberie non sono mai di parte. Una ricostruzione, quella del giovane giornalista napoletano, basata su clamorose testimonianze di “prima mano” e documenti inediti (come quello che mira a fare luce sul reale impatto in termini di ricadute economiche della tappa partenopea dell’America’s Cup), ma anche sulle rivelazioni di assessori e dirigenti politici sulla trasparenza a Palazzo San Giacomo e Palazzo Santa Lucia.

Partecipano con l’autore Carlo Porcaro:
Massimo Calenda, giornalista Rai
Enzo Amendola, segretario regionale del Pd
Fulvio Martusciello, consigliere regionale Pdl, delegato alle Attività produttive
Francesco Borrelli, commissario regionale Verdi
Marcello Lala, avvocato e giornalista

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©