Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Appello in occasione dell'Hearth Day di Roma

Carmen Consoli: "Smantelliamo le centrali in tutto il Mondo"

Il sogno della cantantessa: arsenali di alberi

Carmen Consoli: 'Smantelliamo le centrali in tutto il Mondo'
21/04/2011, 17:04

ROMA – L’occasione era delle più ghiotte: l’Hearth Day, la giornata Mondiale della Terra che quest’anno si tenuta nel Galoppatoio di villa Borghese alla presenza di circa 30mila persone. Al centro della scena, Carmen Consoli e Patti Smith, icona della musica “new wave” e sostenitrice di ogni causa ambientalista.
Le due si sono esibite sul palco raccogliendo gli applausi della folla in delirio e, naturalmente, prima di esibirsi nel loro “live”non hanno rinunciato a qualche “stoccatina” a tema: in particolare, la Consoli non si è tirata indietro e, come nel suo stile a cui ormai ci ha abituati, ha espresso il suo rifiuto verso il nucleare. Intervistata dall’agenzia di stampa Ansa, la siciliana è esplosa, proprio come potrebbero fare le centrali: “E’ bene chiuderle in fretta e non costruirne di nuove, pericolo che qui sembra scongiurato, ma il problema è che in Italia sono ospitati 90 ordigni, anche obsoleti, che forse dovremmo pensare di smantellare. Viviamo in un pianeta pronto ad esplodere, dobbiamo smantellare le testate nucleari non solo qui ma in tutto il mondo”. Non solo. Nell’invettiva c’è spazio anche per un “revival” nostalgico degli anni d’oro della musica: “Il rock e i temi dell'ambiente vanno a braccetto almeno dai tempi di Woodstock. Quello che può sembrare un sogno idealista in realtà è una possibilità molto concreta. Piantiamo arsenali di alberi e smantelliamo quelli militari”.
Insomma, l’interprete di brani amatissimi, come “L’ultimo Bacio” e “Fiori d’Arancio” ormai macina dichiarazioni meglio di un politico navigato e magari la carriera potrebbe esserle congeniale. Questa volta, però, non è possibile darle torto.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©