Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

CARMINA CAMPUS for MINI


CARMINA CAMPUS for MINI
18/02/2012, 13:02

MINI presenta CARMINA CAMPUS un’edizione speciale e limitata di borse creata appositamente che si potrà ammirare in occasione di un’anteprima esclusiva al Corso Como 10 durante la Settimana della Moda di Milano. Nel vero spirito della filosofia di CARMINA CAMPUS, che si basa sull’utilizzo di materiali esclusivamente riciclati per creare accessori moda, le borse sono realizzate usando campioni di colore e ritagli di tessuti scartati derivanti dalla produzione della nuova MINI Roadster.

Prima una MINI, poi una borsa

Sotto la direzione artistica di Ilaria Venturini Fendi, elementi dei prototipi della nuova MINI Roadster sono stati abbinati a campioni di colori ed altri materiali di scarto per creare borse firmate realizzate da artigiani italiani. Questa collezione comprende borse da weekend e da città per uomini e per donne. Svariati materiali della MINI Roadster hanno offerto un’ampia fonte di ispirazione. In alcuni modelli, la pelle morbida ma robusta dei sedili ha dato forma al guscio esterno della borsa, mentre il telo della capote è stato spesso decorato con un mosaico di piccoli tasselli metallici ricavati dai campioni di colore della verniciatura della carrozzeria. I parasole nascondono specchietti per il trucco, mentre le maniglie interne delle vetture diventano dettagli speciali di una miniscola borsa proporzionata. Riutilizzare materiali che non servono più, che sono diffettosi o che non sono più adatti allo scopo originario, nonché la ricerca di stock di fine produzione e di materiali vintage che possono cambiare funzione nel design di un nuovo oggetto, sono stati alla base dell’approccio creativo di Ilaria Venturini Fendi fin dall’inizio di CARMINA CAMPUS. Questo punto di vista sui materiali viene sempre più condiviso oltre il mondo della moda e MINI abbraccia la nuova tendenza ora conosciuta come “up-cycling”.

“Da molti anni ormai, il BMW Group lavora con creativi provenienti dai più svariati campi”, dice Anders Warming, responsabile del MINI Design. “Siamo lieti di aver trovato in Ilaria Venturini Fendi un designer che dedica il suo talento artistico soprattutto alla sostenibilità e allo ‘up-cycling’. Per noi, questi sono temi chiave del futuro che stiamo affrontando ora mediante questa collaborazione, nel solito stile MINI”.

L’etichetta CARMINA CAMPUS

La figlia più giovane di Anna Fendi, e già Direttrice degli accessori creativi della linea giovane Fendissime, nonché designer di scarpe per la leggendaria casa di moda, Ilaria Venturini Fendi ha lasciato qualche anno fa il gruppo Fendi per gestire un’azienda agricola a nord di Roma. Nel 2006, ha lanciato CARMINA CAMPUS, un’etichetta specializzata nella creazione di mobili, bigiotteria e borse con materiali riutilizzati e “up-cycled”, rispettando i più elevati standard di design. “Sono molto felice di questa collaborazione”, dice Venturini Fendi. “Dimostra quanto MINI sia consapevole dell’impatto che l’industria automobilistica ha sull’ambiente e che l’azienda sta lavorando per cambiarlo. Per un grande brand come MINI, “up-cycling” è un tema importante. Dopotutto, è qui che si possono sempre trovare avanzi di materiali che vengono generalmente descritti come scarti, ma che possono diventare parte di un oggetto di alta qualità”.

L’esclusiva collezione CARMINA CAMPUS for MINI sarà disponibile in Corso Como 10 a Milano.

Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 25 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2010 sono stati di 4,8 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 60,5 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2010 era di circa 95.500 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability Index.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©