Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Carnevale antirazzista al Parco San Gennaro nel Rione Sanità


Carnevale antirazzista al Parco San Gennaro nel Rione Sanità
09/02/2010, 09:02


NAPOLI - Il 12 febbraio il Comitato Parco San Gennaro darà vita, come ogni anno, ai festeggiamenti del Carnevale con la partecipazione dei bambini e dei cittadini del Rione Sanità. Quest’anno il tema del Carnevale, promosso oltre che dal Comitato Parco San Gennaro anche da altre associazioni del territorio come la Rete Rione Sanità, sarà l’antirazzismo. In questo periodo si respira in Italia un clima terribile e le prime vittime sono proprio i migranti. Considerati come la causa di tutti i mali che affliggono la nostra societa', stanno diventando oggetto di pesanti discriminazioni alimentate spesso anche da leggi che mirano a tenerli ai margini, senza prevedere per loro nessuna integrazione possibile. Additati come violenti, selvaggi, senza umanita' non viene data loro la possibilita' di poter esprimere le mille diversita' e complessita' che rappresentano le tante culture da cui provengono. Un conseguente clima di paura si sta diffondendo sempre piu', rendendo impossibile ogni tipo di scambio e interazione. Gia' in altre occasioni, come per il torneo di calcio antirazzista, i bambini del Parco San Gennaro hanno dimostrato come sia, invece, possibile vivere insieme, conoscersi e interagire superando barriere e differenze considerandole piuttosto come ricchezze. Proprio quello spirito vogliamo riprendere e valorizzare nei festeggiamenti di questo carnevale. Una grande sfilata con musica, canti e un carro allegorico partirà alle 9:30 da Piazza Cavour (accanto alle giostrine della stazione della metropolitana, linea 2) attraversando il cuore della Sanità, giungendo infine al Parco San Gennaro, uno dei luoghi liberati dal degrado del quartiere, dove si terrà la festa finale. Il Carnevale si ispira ai temi classici : il pazzariello, la vecchia, le quattro stagioni della natura, che possono diventare anche i quattro elementi, i colori della pelle, in lotta contro i mostri del mondo moderno. Un Carnevale di colori, con i quali è dipinto il mondo, colori che per loro natura si integrano perfettamente fra di loro senza creare contrasti, ma sviluppando un’armonia festosa con un forte valore sociale e trasmettendo un messaggio di convivenza pacifica delle diversità. Le associazioni del territorio che hanno promosso il Carnevale si sono avvalse della preziosa collaborazione delle diverse scuole ed istituti comprensivi che insistono sul quartiere come la Angiulli, il Casanova, Sant’Antonio alla Palma, il Froibeliamo, che hanno partecipato attivamente alla realizzazione dei laboratori per la costruzione delle maschere, coordinati da Bruno Leone, e che vedranno le loro scolaresche tra i protagonisti della sfilata in maschera del 12 febbraio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©