Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

L’idea è di un negoziante napoletano

Carnevale, arriva la maschera di “Zio Michele”… Misseri


Carnevale, arriva la maschera di “Zio Michele”… Misseri
23/02/2011, 11:02

Passi anche la toria che il napoletano sia in grado di fare ironia su tutto, ma la nuova trovata partenopea ha destato parecchi dubbi etici. E a buon ragione. Michele Misseri, meglio noto come “Zio Michele”, o comunque colui che ha conquistato l’attenzione dell’opinione pubblica per il caso di Sarah Scazzi, sta diventando il protagonista del Carnevale napoletano. Grazie al costume carnevalesco dal nome “Zio Michele” appunto. Il costume è quello di un contadino, con tanto di gilet e cappello da pescatore. A renderlo particolare e soprattutto riconoscibile ai più, la sgradita trovata di applicargli l’etichetta di riconoscimento. “Zio Michele”. L’idea è balenata al titolare di un negozio di abbigliamento per bimbi (ancora peggio), che vende anche costumi per la festa del carnevale. E come si legge sul Mattino, “Misseri troneggia in una vetrina del rione Sanità in forma fanciullesca”. Il proprietario del negozio al Mattino ha commentato così l’idea: “Mi è venuta guardando la tv. E le mamme apprezzano. In fondo a Carnevale lo si sa ogni scherzo vale”. Ma le stesse mamme, viene da chiedersi, cosa spiegheranno ai figli, che decidendo di indossare quel costume chiederanno di chi sia la rappresentazione?

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©