Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Casavatore, domani la 116esima edizione della festa dei gigli


Casavatore, domani la 116esima edizione della festa dei gigli
07/07/2012, 10:07

Domani 8 luglio si svolgerà, sul territorio, la 116esima edizione della tradizionale festa dei gigli, con la ballata degli obelischi di legno e cartapesta alti trenta metri.
L’evento si inquadra nei festeggiamenti promossi dall’amministrazione comunale e dal comitato organizzatore in onore del patrono di Casavatore, San Giovanni Battista.
Sono quattro i comitati rionali che hanno allestito il giglio 2012: “Bar Umberto”, “Fore a’ via nova”, “Saremo Famosi” e “Azzurro”, supportati, rispettivamente, dalle paranze di cullatori “Spartani”, “Indistruttibili cimilitesi”, “Nuova Gioventù” e “San Giovanni”.
Prima della danza mattutina, i rappresentanti dei comitati rionali deporranno corone di alloro presso i monumenti e le lapidi erette in città in memoria dei Caduti; quindi i gigli balleranno nei rioni in cui sono stati allestiti.
La prima fase della festa si concluderà con la deposizione degli obelischi dinanzi al municipio, in piazza Di Nocera.
Alle ore 17, in piazza, il parroco della chiesa di San Giovanni Battista, don Carmine Caponetto, celebrerà la Santa Messa.
L’alzata pomeridiana dei gigli è prevista per le ore 18; gli obelischi balleranno per corso Italia, via San Pietro, corso Europa, via San Giovanni, via Elena e nuovamente per corso Italia, prima di tornare al loro luogo di allestimento.
La chiusura della ballata è prevista per le ore 3.30 del 9 luglio.
In occasione della 116esima edizione dei festeggiamenti, il Comune ha allestito, sul proprio portale Internet, un link speciale sulla festa in cui sono raccolti la locandina ufficiale della manifestazione, la composizione del comitato organizzatore, le foto dei gigli in competizione, agli addobbi realizzati nei diversi quartieri, le ordinanze dei divieti previsti durante la manifestazione, l’appello del sindaco Salvatore Sannino affinché “la festa si svolga in un clima di rispetto e di correttezza”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©