Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Oggi la Guardia di Finanza festeggia con una cerimonia

Caserta, 237° anniversario della Fondazione del Corpo

Numerosi i servizi delle Fiamme Gialle negli ultimi 12 mesi

Caserta, 237° anniversario della Fondazione del Corpo
28/06/2011, 10:06

CASERTA - La Guardia di Finanza di Caserta, a partire dalle ore 10.30 di oggi, nei cortili della Caserma “D. Bovienzo”, ricorda il 237° Anniversario della Fondazione del Corpo, alla presenza delle massime Autorità civili, militari e religiose della Provincia. La cerimonia militare sarà presieduta dal Colonnello t. ST Vincenzo Amendola, Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, e prevede lo schieramento di un picchetto d’onore per il ricevimento delle Autorità e una rappresentanza di finanzieri. Saranno presenti i Labari delle Sezioni dell’Associazione Nazionale dei Finanzieri d’Italia in congedo presenti nella Provincia. L’attività svolta nei trascorsi dodici mesi di attività operativa ha rimarcato ulteriormente l’esclusivo ruolo di polizia economica e finanziaria svolto dalla Guardia di Finanza, con particolare riguardo al contrasto all’evasione fiscale, ai complessi fenomeni di frode all’VA, alle fraudolente manovre ai Bilanci delle società e infine ai tentativi di sottrarsi nelle fase di riscossione delle imposte. Nell’ultimo anno sono state concluse complessivamente 365 verifiche fiscali, che hanno portato alla constatazione di circa 276 milioni di euro di imponibile sottratti a tassazione con la relativa evasione all’I.V.A. per 43 milioni di euro. Sono state condotte operazioni congiunte con i funzionari di Equitalia nei confronti di 13 società, di cui 3 pignoramenti.
Sono stati denunciati 218 soggetti per reati fiscali e sono stati individuati 125 soggetti completamente sconosciuti al Fisco in parte segnalati all’Autorità Giudiziaria quali evasori totali. E’ proseguita la lotta la carovita con rinnovato vigore. Sono state controllate più di mille attività commerciali in diversi settori merceologici (alimentari, abbigliamento e prodotti tecnologico). Sono state constatate oltre 3300 irregolarità nel rilascio dello scontrino/ricevuta fiscale, su 5000 controlli effettuati.

Ripetuti controlli a sorpresa, hanno permesso di individuare 213 lavoratori ”in nero” o “irregolari” nonché di constatare numerosi illeciti in tema di sicurezza sul lavoro. Nel corso del 2011 la Guardia di Finanza ha assunto nuove e maggiori competenze nello specifico settore quale organo di vigilanza, estendendo al Corpo prerogative in passato riservate al personale ispettivo delle Direzioni Provinciali del Lavoro.  

 

Per l’accertamento dei danni erariali, la Guardia di Finanza ha evidenziato alla Corte dei Conti responsabilità contabili per circa 9 milioni di euro. Le unità specializzate del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta, in particolare hanno accertato importi complessivamente pari a 7,5 milioni di euro a favore del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali di Capua, del Consorzio Unico di Bacino di Napoli e Caserta e della società municipalizzata A.C.M.S..

 

Numerosi sono stati gli interventi che di aggressione ai patrimoni illegittimamente accumulati, soprattutto nei confronti dei sodalizi criminali presenti sul territorio.

Il contrasto all’arricchimento illecito della criminalità organizzata, sotto la Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, ha permesso di sottrarre a 13 soggetti sospettati di appartenere a sodalizi criminali di matrice camorristica, di cui 6 tratti in arresto, 158 beni mobili e immobili nonché disponibilità finanziarie per oltre 165 milioni di euro.

 

Per contrastare il dilagare del fenomeno dei videogiochi illegali, sono state condotti numerosi controlli in tutta la provincia che hanno portato al sequestro di oltre 650 apparecchi elettronici e alla denuncia di 57 soggetti. Analogo illecito fenomeno attraversa anche il settore delle scommesse caratterizzato dalla sempre maggiore invadenza dei operatori clandestini nei confronti dei quali sono stati sequestrati oltre 30 postazioni informatiche per le giocate all’estero e denunciati 20 responsabili. La raccomandazione è quella di giocare con responsabilità avendo l’accortezza di controllare la validità dei permessi e l’effettivo collegamento degli apparecchi al sistema nazionale dell’AMMSS. La lotta al traffico di stupefacenti ha consentito l’arresto di 38 persone, la denuncia di 53 soggetti e il sequestro di 21 kg di sostanza stupefacente (eroina, cocaina, hashish e marijuana). Numerosi sono stati i controlli antispaccio svolti nei luoghi di ritrovo il sabato sera e la domenica e la mattina nei pressi delle scuole anche con l’ausilio dell’unità cinofila. Il tradizionale settore operativo del traffico illecito di tabacchi è stato presidiato, anche con il coordinamento della D.D.A. del Tribunale di Napoli  con il sequestro di circa 7 tonnellate di prodotto e la denuncia di 154 persone di cui 31 in stato di arresto.

E’proseguita la lotta alla contraffazione ha consentito il sequestro di circa 292.000 articoli con marchio artificiosamente riprodotto e più di 20.000 pezzi tra differenti supporti magnetici (compact disk e DVD) illecitamente duplicati nel corso di 250 distinti interventi. Sono state denunciate 276 persone.

 

 

E’ stato sottoscritto il Protocollo Organizzativo per la Salvaguardia Ambientale per la Provincia di Caserta attraverso il quale è stato dato ulteriore impulso alla lotta all’inquinamento ambientale. Sono state denunciate 30 persone e sono state  sequestrate 16 discariche abusive in cui erano stati occultati complessivamente 12 tonnellate di rifiuti industriali.

 

In questo ambito, il controllo di zone industriali abbandonate ha permesso di individuare e sequestrare in un area dismessa per la produzione di materiale esplosivo 874 bombe a mano d’addestramento in parte esplose, 5 involucri di bome e mano da guerra, 970 cartucce da guerra acido acetico , lastre di Eternit e 600 kg di fosforo rosso  altamente infiammabile posto al contatto con l’aria, malamente conservato in in12 bidoni, tutto completamente incustodito.

 

La presenza del Corpo sul territorio è stata assicurata con l’impiego di circa 5.500 pattuglie in servizio di pubblica utilità “117”, rispondendo a oltre 600 chiamate.


 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©