Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Castel Morrone. Tutto pronto per la 38esima edizione della Sagra del Fico d’India


Castel Morrone. Tutto pronto per la 38esima edizione della Sagra del Fico d’India
28/08/2012, 10:02

Castel Morrone : E’ l’avvenimento eno-gastronomico più longevo dell’intera provincia di Terra di Lavoro, quest’anno giunto alla sua 38esima edizione, e si svolge a Castel Morrone sempre nella prima decade di settembre, quest’anno da venerdì7 a domenica 9 settembre, ovviamente stiamo parlando della tradizionale Sagra del Fico d’India, manifestazione organizzata dalla Pro Loco che esalta lo spinoso frutto che cresce spontaneo sulle colline morronesi come afferma il presidente della Pro Loco Pino Carosis, vero “deus ex machina” dell’evento. La location dell’evento saràla centralissima Piazza Bronzetti, conla Pro Loco che però ha organizzato un piccolo percorso che partendo proprio dalla piazza attraversola centrale Via Roma giunge fino al palazzo Pannone della frazione Casale sede del Museo delle tradizioni contadine. Un percorso alquanto articolato dove artisti di strada, mimi, madonnari, artigiani locali ed i ragazzi del Forum Giovani daranno vita a degli “scorci di vita vissuta”, con la riscoperta, grazie all’impegno dei giovani del Forum, degli antichi giochi rurali uno su tutti il famoso “albero della cuccagna” anche soprannominato “palo di sapone”. Sul versante gastronomico, invece, anche per quest’anno la Sagra si avvarrà della collaborazione di “Lasciati Tentare” che cucinerà, anche a mezzogiorno, i piatti tipici della tradizione contadina di Castel Morrone, quali “La pettola e fagioli”; la carne di “pecora a caurarone”; gli abbuoti; la zuppa di soffritto, come non potranno mancare, ovviamente, i cannoli alla crema di fico d’india, unici al mondo, creati appositamente per l’evento dalla pasticceria Sparono di Caiazzo. Un programma ricco e ben strutturato, quello messo in piedi dalla Pro Loco, che si completerà infine conla tradizionale Gara del Solco Dritto, gara di abilità contadina, che avrà il suo culmine sia nella serata del sette settembre, quando dall’Eremo di Monte Castello si potranno ammirare i solchi illuminati con la luce delle fiaccole romane, che nella mattinata dell’otto quando gli stessi solchi si potranno ammirare nella loro interezza e lunghezza.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©