Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Premiati 11 donne e uomini illustri

Castellabate, consegnato il premio "Il giglio d'oro"


Castellabate, consegnato il premio 'Il giglio d'oro'
09/02/2009, 13:02

 

Sono 11 le donne e gli uomini illustri che sabato hanno ricevuto il premio "Il giglio d'oro" dalle mani del sindaco Costabile Maurano. Tra di loro numerose presenze illustri di rappresentanti delle istituzioni, alti ufficiali della guardia di finanza, uomini di cultura e accademici. La cerimonia di consegna del prestigioso riconoscimento, che viene attribuito dall'amministrazione comunale per sottolineare il profondo legame con la municipalità, si è svolto nei saloni di Villa Matarazzo a Santa Maria di Castellabate. Per la sezione "autorità civili" premi al senatore Luigi Compagna e al console generale d'Italia a Ginevra, Alberto Colella. Per la sezione "Autorità militari" hanno ricevuto "Il giglio d'oro" il colonnello Umberto Sirico, comandante del servizio centrale investigazione criminalità organizzata della guardia di finanza; il colonnello Giampiero Ianni, comandante provinciale della guardia di finanza di Cremona; il tenente colonnello Fabrizio Chirico, comandante del gruppo del nucleo speciale entrate della guardia di finanza di Salerno. Per la sezione "scienze" premi a Emilio Perna, responsabile della linea Social Security di Fastweb, a Vittorio Ambrosini, dirigente medico cardiologo presso l'azienda ospedaliera Moscati di Avellino, a Wanda D'Alessio, già professore associato di diritto della navigazione all'università Federico II di Napoli, a Roberto Confalonieri, consigliere del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro e già presidente patto territoriale del Cilento, a Nicola Esposito, amministratore delegato di società leader nel settore energetico tra cui Sinergie spa. Per la sezione "cultura" il riconoscimento è stato consegnato al tenente Gerardo Severino, direttore del Museo storico della guardia di finanza di Roma. Il giglio di Tresino è il fiore con cui viene raffigurato, nell'iconografia tradizionale, san Costabile Gentilcore, quarto abate di Cava de' Tirreni e unico santo nativo del Cilento, patrono di Castellabate e compatrono della diocesi di Vallo della Lucania.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©