Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

C'ERA UNA VOLTA IN IRPINIA


C'ERA UNA VOLTA IN IRPINIA
31/07/2008, 14:07

Continua il ciclo di rievocazioni storiche “C’era una volta…in Irpinia”. L’appuntamento è per questa sera, alle ore 21, a Manocalzati. Ad andare in scena è la storia di Sant’Antonio, il santo conosciuto e amato forse più d'ogni altro. Antonio, nato col nome di Fernando De Buglioni, visse in un tempo lontano, più di sette secoli orsono e trascorse la prima parte della sua vita in Portogallo. A quel tempo Lisbona, la città che lo vide nascere e crescere, non era la metropoli di oggi, ma un centro fortificato, per resistere all’avanzata minacciosa degli arabi. La capitale del regno era situata a nord, a Coimbra. Proprio qui Fernando venne ordinato frate da Padre Jorge. S. Antonio è detto di Padova perché Egli scelse questa città, a preferenza di altre, come patria di adozione. Ma anche a Manocalzati, dove c’è una cappella a Lui dedicata, il culto del Santo è molto diffuso e sentito. La rievocazione inizia con i ricordi di un Frate e poi sviluppa tutto il percorso di crescita spirituale di Sant’Antonio. Inoltre verrà evidenziato anche il rapporto del Santo con San Francesco. Come in un set cinematografico la realtà storica incontrovertibile e la storia raccontata, tramandata in fatti e leggende, sarà spettacolarizzata e arricchita di simbolismi, coreografie e particolari riferimenti a usi e costumi del tempo.

Promossa dalla Provincia di Avellino con gli assessorati al Commercio- industria- artigianato, e alla cultura, la manifestazione prevede 11 rievocazioni sul territorio irpino; la rassegna è una delle iniziative che la Provincia di Avellino ha inteso promuovere e realizzare per il recupero delle tradizioni storiche e culturali dei Comuni Irpini. Il progetto è stato ideato da Emilio Ruggiero, assessore al commercio che prematuramente è venuto a mancare ed è giunto alla realizzazione grazie all’onorevole Alberta De Simone e alla giunta provinciale.
Le rievocazioni, scritte e dirette da Umberto Valentino e Gaetano Troiano, vedono la partecipazione della Compagnia dell’Argante, di attori della Officina dello Spettacolo, di figuranti e comparse, di associazioni storiche, di trombonieri e sbandieratori, di corpi di ballo, di gruppi d’armi e della partecipazione straordinaria degli attori Gaetano Amato (il rimpianto ispettore Amato della fiction La Squadra), Piero Pepe (primo attore della compagnia di Giuffrè) e di Lucio Belloisi (I Gialli di Rai Tre, Le Iene).
I prossimi appuntamenti sono: Montella il 6 agosto, Trevico il 14 agosto, San Martino Valle Caudina il 16 agosto, Montecalvo il 19 agosto, Prata P.U. il 23 agosto, Montefalcione il 29 agosto e Nusco il 30 settembre.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©