Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Ceramica in tavola: gusto ed estetica del bel mangiare


Ceramica in tavola: gusto ed estetica del bel mangiare
06/07/2010, 09:07


FAENZA - Tra gli appuntamenti che i ristoratori di Faenza e del comprensorio hanno fissato con gli estimatori della cucina di qualità viene riproposta per il settimo anno consecutivo l’iniziativa Ceramica in Tavola, che con costante successo accompagna le estati di chi ama la cultura artigianale ceramica della città sinonimo in tutto il mondo di maiolica e la tradizione enogastronomia del territorio. Supportata da Confesercenti, Ascom, Cna, Confartigianato, Camera di Commercio e Società di Area Terre di Faenza e grazie al patrocinio del Comune di Faenza e alla collaborazione del Museo Internazionale delle Ceramiche, Degusti (Associazione ristoratori del comprensorio faentino, nutrito gruppo di imprenditori della ristorazione da tempo impegnati nella valorizzazione del patrimonio enogastronomico di qualità e dell’offerta turistica) stringe dunque un sodalizio tra ceramica artistica e gastronomica. Due forme d’arte diverse che in questa occasione si rafforzano e si completano, grazie anche alla fantasia degli chef che ispirandosi allo stile “Occhio di penna di Pavone o Pavona” (esempio eccelso della ceramica del tipo ‘gotico’ quattrocentesco, sobrio e calibrato, databile intorno alla fine del XV secolo, che può ritenersi una delle testimonianze precoci più significative di uno stile che a Faenza si sviluppò nel secolo successivo con grande fasto), tema ceramico scelto per la VII edizione di Ceramica in Tavola, hanno ideato pietanze inedite, rendendo omaggio a questo stile e al periodo storico in cui è nato. Stili ceramici a cui già si è ispirata l’iniziativa nelle passate edizioni sono stati: la Ghianda, la Foglia di vite, il Compendiario, La Zaffera a rilievo, il Geometrico fiorito, Alla Porcellana. Fino al 30 settembre, consumando nei ristoranti aderenti le proposte gastronomiche ideate per l’occasione, si potrà ricevere in omaggio uno Scudone Manfredo in terracotta. Con quattro Scudoni diversi, che attestano la visita e la degustazione in quattro differenti ristoranti, si potrà ritirare il piatto in stile Occhio di penna di Pavone o Pavona, riprodotto da ceramisti faentini e un biglietto omaggio per l’ingresso gratuito al Museo Internazionale delle Ceramiche. Lo Scudone Manfredo, inoltre, consegnato alla biglietteria del Mic dà diritto ad uno sconto del 50% sul prezzo d’ingresso al museo. Ceramica in Tavola fa parte del calendario di iniziative “Le stagioni della gastronomia faentina”, ideato dalla Società di Area Terre di Faenza e realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria Ascom e Confesercenti e con l’associazione di ristoratori Degusti. Giunto al suo quarto anno, il calendario mette a sistema e promuove tre importanti iniziative (Il Piatto Verde, Ceramica in Tavola, AutOut) che coinvolgono ristoranti e aziende agrituristiche del comprensorio e che ha come filo conduttore la gastronomia di qualità e la cucina strettamente legata ai prodotti locali e alle tradizioni del territorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©