Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Chiude il divino Jazz Festival


Chiude il divino Jazz Festival
26/09/2009, 13:09

La chiusura della VI edizione del DiVino 2009, dal 24 al 27 settembre a Torre del Greco, è affidata al Jazz d'autore. L'intera giornata di domenica 27 settembre è jazz a tutto tondo e Torre del Greco diviene la città della musica dell'anima: già in mattinata alle 11.30 nella piazzetta di Largo Santissimo musica con i Manomanouche. Il duo di chitarre con Nunzio Barbieri e Luca Enipeo. Alle 19.30, stessa location, c’è l’attesissimo Danilo Rea con un Omaggio a Fabrizio De Andrè, un progetto originale, nato al festival di Berchidda che ha conquistato negli ultimi anni un numeroso pubblico in Italia e in Europa. Tra gli artisti jazz più talentuosi in Italia e nel mondo, Rea si è sempre messo alla prova in contesti nuovi e domani sera il suo “piano solo” rileggerà in chiave jazzistica le canzoni dell’indimenticabile Faber nella scenografia naturale di una piccola "piazzetta" Largo Santissimo normalmente adibita a mercato. In serata il set cambia e ai MMMarzoli, alle 21,00 il concerto conclusivo "Duello Latino" a suon di note tra Fabrizio Bosso & Irio De Paula - Javier Girotto & Gianni Iorio. Un’alternarsi tra cadenze popolari, di matrice brasiliana, e un approccio jazz, da una parte, dall'altra rivisitazioni sud-americane caratterizzate dal tango in tutte le sue evoluzioni e contaminazioni. La serata prosegue con la grande festa di chiusura alle ore 22,30 nella terrazza sul mare dei MMMolini, insieme ai Manomanouche per l'area Jazz Off.

Per la sezione artistica “Liquido Solido”, ancora in mostra le opere di arte contemporanea di Angelo Montefusco, Mary D’Urzo ed Eleonora Picariello. Domani sera verrà premiata, inoltre, la miglior estemporanea per la sezione Extra Senso guarda e crea, senti e crea, gusta e crea che ha visto l’impegno di giovani artisti emergenti campani.


Grande attenzione venerdì per il concerto di Maria Pia de Vito. L'artista napoletana ha eliminato ogni distanza tra lei e il pubblico eseguendo, in perfetta armonia con il suo gruppo, cover e pezzi originali in uno stile divenuto più concreto proponendo uno spettacolo fruibile a tutti.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©