Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Nel cast anche Massimo Ranieri e Amanda Sandrelli

Cinema: a fine anno “Scossa”, sul terremoto di Messina


Cinema: a fine anno “Scossa”, sul terremoto di Messina
01/07/2011, 12:07

Cent’anni fa un terremoto e un successivo maremoto devastarono e in gran parte distrussero Messina e Reggio Calabria. Centomila furono i morti. Il film “Scossa” - spiega una nota - ha preso avvio da una ricerca minuziosa sulla memoria collettiva di quel tragico avvenimento. Sulle testimonianze rintracciabili sui giornali di allora, oppure diaristiche, fotografie e tramandate anche oralmente di vittime, sopravvissuti, soccorritori. Il progetto “Scossa” riunisce cinque “sguardi interpretativi”, tradotti in cinque racconti filmati da altrettanti grandi registi italiani: Andrea Frezza, Ugo Gregoretti, Carlo Lizzani, Francesco Maselli, Nino Russo.
I loro film (ciascuno della durata compresa tra i quindici e i venti minuti ciascuno) sono stati realizzati in totale libertà personale di struttura e di linguaggio. Strettamente connessi, comunque, dal comune e insieme umile e ambizioso intento di interpretare un singolo aspetto particolare della catastrofe. Affrontandolo a partire da uno dei dati del reale emersi dalla primitiva inchiesta; ma tentando anche una similitudine con altri dati del reale comuni a tante altre catastrofi, a tante altre “scosse” inferte alla storia dell’umanità. Cosi' i cinque racconti possono contenere temi importanti. Quello dell’emigrazione italiana dell’epoca, che naturalmente arriva a riflettere sull’attuale immigrazione in Italia di genti oggi più povere di noi. Il tema dell’atrocità del dolore, che può fatalmente avvicinare persone prima estranee o addirittura ostili tra loro. E ancora quello di destini umani che cambiano totalmente nel “dopo”.
Prestigioso il cast artistico del film: Paolo Briguglia, Massimo Ranieri, Amanda Sandrelli, Lucia Sardo, Gianfranco Quero. E ancora il trentenne Fabio Pistoia di Corigliano Calabro. Il film sarà trasmesso a fine anno nelle sale cinematografiche italiane.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©