Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Cinema omosessuale: boom di presenze per Omovies


Cinema omosessuale: boom di presenze per Omovies
02/11/2009, 13:11


NAPOLI - Trionfo di presenze per l’ultima giornata di OMOVIES il Festival di Cinema Omosessuale e Questioning del Sud Italia svoltosi a Napoli dal 29 Ottobre al 1 Novembre presso il cinema Academy Astra di Napoli, che chiude la sua II edizione con un bilancio più che positivo. “Siamo molto emozionati per questo strepitoso successo, speriamo di crescere sempre più”, afferma Carlo Cremona, presidente di I ken, associazione promotrice del Festival. Alla presenza della giuria del concorso nazionale di cortometraggi a tematica omosessuale, presieduta da una strepitosa Vladimir Luxuria, sono stati premiati: con il Premio Omovies 2009 Ettore e Marika di Elena L.Pirozzi, con il Premio della Mediateca di Santa Sofia Il mobile delle foto di Giovanni Maccelli, e con il Premio Arcilesbica Guerra e Pacs di Silvia Novelli. Una divertita ovazione da parte del pubblico per Vladimir Luxuria che, rivolgendosi al presente assessore alle Politiche Giovanili Giulio Riccio, scherza “Meno male che ci sono ancora politici che non hanno paura di stare vicino ad una trans…” alludendo alle recenti vicende che hanno coinvolto l’ex governatore della Regione Lazio Pasquale Marrazzo. Momenti di scherno ma anche serietà, quando l’attenzione si è focalizzata sulle vicende di omofobia degli ultimi mesi “Non fuggite quando assistite ad un atto di violenza”, dichiara l’ex parlamentare.
Più di 2000 persone per la quattro giorni napoletana che ha decretato un risultato inaspettato anche dagli organizzatori “Ringraziamo tutti i presenti - dice Cremona - e siamo orgogliosi della città di Napoli dalla quale non fuggiremo mai per continuare a combattere insieme”.
OMOVIES, ideato da Carlo Cremona e Marco Taglialatela, con la programmazione curata da Massimiliano Palmese, è un progetto dall’Associazione i Ken Onlus, ed è sostenuto dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli. Il Festival ha anche il Patrocinio dell’Assessorato alle Pari Opportunità e Politiche Sociali della Regione Campania, e quello del Coinor.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©