Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Ciro Ceruti & Ciro Villano al “TEATRO TOTO’” con Piccoli segreti di famiglia


Ciro Ceruti & Ciro Villano al “TEATRO TOTO’” con Piccoli segreti di famiglia
19/11/2012, 10:15

Ciro Ceruti e Ciro Villano approdano sul palco del Teatro Totò con lo spettacolo “Piccoli segreti di famiglia” (da giovedì 22 novembre a domenica 2 dicembre). “Piccoli segreti di famiglia”, la cui regia è dello stesso Ciro Ceruti, con le scene di Massimiliano Pinto, è la classica commedia tutta da ridere; quasi due ore di colpi di scena esilaranti rendono questo testo unico nel suo genere… provare per credere! La storia da raccontare è semplice e al tempo stesso complicata: la monotona esistenza di Cosimo e Damiano De Santis (i due personaggi di “Fuori Corso”, la trasmissione televisiva di Canale 9 che ha reso famosa la coppia di attori partenopei) , emigrati a Napoli da Benevento dove li attendono due sorelle pronte per il fatidico si, viene bruscamente interrotta dall’arrivo di Bella, ragazza alquanto bizzarra e col pallino del suicidio e da uno strano maresciallo della Finanza che finge di indagare sulla loro principale attività: clonazione e falsificazione di CD e simili. L’avvento di Bella potrebbe anche essere qualcosa di divertente visto le pittoresche caratteristiche, ma a rompere le uova nel paniere sopraggiunge Secondo, il futuro cognato dei due a cui bisogna necessariamente tener nascosta la verità. Come spiegare al bigotto cognato, che per giunta è un seminarista, chi è Bella…? La soluzione è semplice e vale per tutte le situazioni difficili: mentire spudoratamente sempre e comunque. Ma il segreto più grande è in seno a Bella. Il bizzarro maresciallo dice di essere il padre dell’avvenente romagnola e che la stessa non è Bella ma Aldo. Cosimo e Damiano parlano con la ragazza cercando con garbo di mettere al corrente la stessa che sono a conoscenza della sua natura. Bella nega, accusando a sua volta il padre di essere uno psicopatico che la perseguita da sempre, in quanto il suo unico desiderio era un figlio maschio. Ecco il rebus, a chi credere??? 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©