Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Città della Scienza: Terra inquieta e visita all’isola di Nisida


Città della Scienza: Terra inquieta e visita all’isola di Nisida
05/07/2011, 15:07

Domenica 10 luglio, la Fondazione Idis propone un percorso tra scienza e valorizzazione dei beni culturali e ambientali del territorio, rivolto a tutti coloro che vorranno indagare le caratteristiche sociali, geologiche ed ecologiche dell’area napoletana. Sarà questa un’occasione per visitare non solo le aree espositive del Science Centre, ma anche un antico cratere vulcanico, forse non molto noto, ma certo non meno attraente: l’isola di Nisida.

Un tempo tutta circondata dal mare, l’isola di Nisida, è stata collegata artificialmente alla terraferma solo in seguito, quando una lunga gittata di cemento l’ha definitivamente ancorata alla base di Posillipo, nelle vicinanze di Città della Scienza.


Meta invalicabile per i turisti, questa “piccola isola” - poco più di 2 km il suo intero perimetro – è sede di Servizi della Giustizia Minorile: la Comunità Pubblica e l’Istituto Penale Minorile che ospitano ragazzi sottoposti a provvedimenti penali mediante l’esecuzione di itinerari di crescita e percorsi educativo-formativi condivisi con il minore programmi individualizzati di recupero scolastico e culturale, di formazione professionale e attività di socio-animazione e sportive realizzate nel territorio cittadino attraverso molteplici progetti attivati in collaborazione con esperti esterni (Università, Enti, Associazioni, Volontari…), progetti finalizzati ad una sempre maggiore inclusione dei ragazzi in contesti di normalità.

Domenica 10 luglio saranno proprio i ragazzi della Comunità Pubblica per minori di Nisida, supportati dalle guide scientifiche del Science Centre, a condurre i visitatori - su prenotazione e sino ad esaurimento dei posti disponibili* - lungo un percorso tra i più suggestivi e meno conosciuti del Golfo di Napoli: lungo i fianchi del piccolo edificio di tufo giallo, in parte eroso dal mare, sarà possibile visitare sentieri e grotte, conoscere la flora e la fauna di questo angolo - ben conservato - di macchia mediterranea e indagare la natura vulcanica dei luoghi. Un’opportunità quindi non solo di conoscere l’isola di Nisida, ma anche un importante momento di partecipazione di cittadinanza attiva con i ragazzi ospiti della Comunità.

Il programma della giornata continua inoltre nelle aree espositive del Science Centre con dimostrazioni scientifiche ed esperimenti sulla vulcanologia, che ci faranno comprendere quelli che sono i principi fisici e chimici alla base dei processi vulcanici, e ancora, visite guidate alla mostra Terra Inquieta e alla Palestra della Fisica, spettacoli astronomici al Planetario e, per i piccoli visitatori, tanti laboratori ludico-didattici sulle morfologie vulcaniche.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©