Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Appuntamento giovedì 19 novembre alle 16:30

Città della scienza: un salto nel futuro tra robot ed innovazione


Città della scienza: un salto nel futuro tra robot ed innovazione
16/11/2009, 09:11

NAPOLI - Giovedì 19 novembre alle 16,30 la Fondazione Idis-Città della Scienzapresenta un pomeriggio di dibattito sul Futuro, con un doppio appuntamento, il primo dei quali è “Napoli nella Bagnoli e nella Campania del Futuro”, a cui segue l’inaugurazione dell’attesissimo Futuro Remoto “… e creò il Robot a sua immagine e somiglianza”.
Innovazione e tecnologia, architettura e urbanistica, ingegneria e robotica, questi i temi della full immersion scientifico-culturale.
Città della Scienza è luogo di "scienza e conoscenza”, inglobata in un “sistema Bagnoli” simbolo del passato sì, ma sempre più proiettato verso il Futuro.
Una giornata importante, quindi, per la cittadinanza partenopea; un momento di riflessione sul concreto e vivo “sogno di Bagnoli", dove a breve sarà inaugurato il primo edificio del blocco di progettazione: l’avveniristico centro “La porta del parco”, e a seguire, nel 2010 e sempre a Città della Scienza, “Corporea”, un nuovissimo museo sul corpo umano.
Un incontro esclusivo di condivisione dei programmi di sviluppo futuri di Bagnoli, quello di giovedì 19 novembre, che si aprirà alle 16.30 con la proiezione del video-documentario di Franz Cerami “Bagnoli. Il Futuro” e si concluderà alle 19,30 con l’evento di inaugurazione di Futuro Remoto “… e creò il Robot a sua immagine e somiglianza”, durante il quale sarà possibile, per il pubblico in sala, assistere allo show del robot della HONDA Asimo, che dopo aver divertito e meravigliato il pubblico del Festival di Genova dello scorso ottobre, approda a Napoli con uno show esclusivo ed entusiasmante.
Una grande sfida per la Fondazione Idis-Città della Scienza, che con questa serata inaugura una ricca mostra sui Robot dalle suggestive scenografie, che si terrà nel Science Centre di Città della Scienza dal 20 novembre all’8 dicembre.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©