Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Holly e Paul due eccentrici personaggi

"Colazione da Tiffany" compie 50 anni


'Colazione da Tiffany' compie 50 anni
29/08/2011, 10:08

Mezzo secolo fa usciva un film destinato a diventare leggenda e a cambiare lo stile delle donne:  “Colazione da Tiffany”.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote, è stato diretto da Blake Edwards e interpretato da Audrey Hepburn (1929 – 1993), nel ruolo di Holly Golightly e da George Peppard (1928 – 1994) in quello dello scrittore Paul Varjak.

Holly è una giovane ragazza che per vivere fa la prostituta d’alto bordo e chiama le sue prestazioni “fare la toeletta”. Questa sua attività le permette di condurre una vita mondana e di frequentare l’alta società in cerca di un uomo ricco, che la renda soprattutto felice materialmente regalandole gioielli dell’amato negozio Tiffany.

Holly, poi, incontra Paul, uno scrittore introverso in cerca d’ispirazione. Le personalità di Paul e Holly inevitabilmente si scontreranno: lui cercherà di sgretolare il mondo etereo ed artificiale nel quale Holly ama rifugiarsi per sfuggire alla sua realtà di persona estremamente pratica, e lei saprà fargli abbandonare il suo cinismo, donandogli l’ispirazione per il suo nuovo libro.

Il romanzo fu ampiamente modificato per attenersi alle convenzioni cinematografiche del periodo. Ad esempio, l’allusione alla bisessualità di Holly, che nel libro è un elemento fondamentale, nel film viene rimossa per rendere il personaggio più adatto alla Hepburn. Anche il finale è stato cambiato.  Il libro non ha un lieto fine, mentre il bacio cinematografico fa presagire una romantica vita di Holly e Paul insieme.

La colonna sonora di “Colazione da Tiffany” vinse l’Oscar nel 1962, venne interamente composta e selezionata da Henry Mancini. La canzone “Moon River” fu composta da Henry Mancini (musica) e da Johnny Mercer (testo), vinse anch’essa un Oscar. Il premio David di Donatello  come miglior attrice straniera fu meritatamente conferito a Audrey Hepburn.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©