Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Antologia della Macchietta

"Come si ride a Napoli" di Vittorio Marsiglia e Carlo Missaglia


'Come si ride a Napoli' di Vittorio Marsiglia e Carlo Missaglia
20/12/2010, 09:12

 “Il mondo ha riscoperto da tempo la canzone napoletana classica - così scrive Renzo Arbore nella prefazione al volume “Come si ride a Napoli. Antologia della Macchietta”, scritto da Carlo Missaglia e Vittorio Marsiglia, per Baldini, Castaldi e Dalai editore.  Penso - continua Renzo Arbore - che adesso tocchi alla Macchietta e alla tradizione della canzone umoristica napoletana venir fuori e raccogliere ciò che merita. Qualcuno può pensare che si parli di generi minori. La Macchietta contiene tutti gli ingredienti del miglior umorismo e poi affianca in maniera decorosissima la canzone napoletana. Questa antologia raccoglie, per la prima volta, proprio storia e testi della canzone umoristica e della Macchietta. Quelle delle origini, e dunque del passato, e quelle che ci hanno condotto fino al presente. Il repertorio è stato rilanciato da Vittorio Marsiglia, l’interprete e l’autore oggi più importante e significativo, e anche il più popolare, di quest’arte di far ridere attraverso la canzone. Non è affatto casuale che il libro sia affiancato da un DVD registrato da me al Teatro Augusteo di Napoli. Si tratta di una scelta del vasto repertorio di Vittorio Marsiglia, accompagnato dalla sua orchestra e dalle esplosioni continue delle risate del numeroso pubblico che, regolarmente, affolla le sue esibizioni. Un libro che permette ai lettori non meridionali la comprensione dei testi e di quegli inimitabili doppi sensi che sono il cuore di queste canzoni. Il libro – curato da quell’autentico studioso della tradizione napoletana che è Carlo Missaglia – è confezionato con note e spiegazioni sia delle canzoni, sia delle arditezze che alcuni pezzi contengono. E’ materiale che garantisce sane risate. Con un sapere che proviene dal passato e che sa essere ancora, sorprendentemente moderno. “Questo volume ci regala una antologia di macchiete e di canzoni umoristiche napoletane che vanno rivalutate e inserite nel portfolio del futuro, tra i grandi capolavori dell’arte del Novecento, accanto al rock e al jazz, che certamente rappresentano i generi più significativi e creativi del secolo appena passato. Possiamo parlare di canzoni libere – continua a scrivere Renzo Arbore – perché siamo costretti a rimpiangere la leggerezza e l’autonomia di cui disponevano i loro autori e interpreti, del tutto svincolati dalle ossessioni del mercato discografico. Uno degli ultimi grandi esempi dell’arte per l’arte”.
Questo volume è un ricco canzoniere corredato di note e spiegazioni. Nel DVD Vittorio Marsiglia, interpreta alcune macchiette tratte dallo spettacolo “Chi sono, cosa faccio, dove vado”. Tre contenuti extra arricchiscono il DVD: “Come si ride in camerino” – a fine spettacolo Renzo Arbore, Vittorio Marsiglia e il chitarrista Mariano Perrella si divertono tra ricordi e vecchie canzoni. Nel   DVD, poi, Renzo Arbore e Vittorio Marsiglia cantano anche in esclusiva una canzone ricca di doppi sensi dal titolo “Canto malinconico”.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©