Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Conclusa l'edizione annuale di Moda all’ombra del Vesuvio


Conclusa l'edizione annuale di Moda all’ombra del Vesuvio
21/05/2012, 16:05

Il sogno di undici aspiranti stilisti passa per altrettanti stage in case di moda nazionali e campane. È quanto lasciato in eredita dall’undicesima edizione di “Moda all’ombra del Vesuvio”, la kermesse organizzata dall’associazione “Piazza di Spagna” di Annabella Esposito e svoltasi lo scorso fine settimana nello straordinario scenario di villa Campolieto a Ercolano. In una serata nella quale protagonisti sono stati gli abiti disegnati dai giovani in gara, impreziositi dalle esibizioni che hanno allietato i numerosi presenti, ad essere premiati dalla giuria presieduta da Lello Antonelli (e completata da Laura Biagiotti Pieralisi, Nada Skaff, Vincenzo Casapulla, Luigi Di Domenico, Giuseppe Miranda, Consiglia Miggione e Gennaro Scardamaglio) sono stati:
Alessio Pellecchia (della scuola Double Elle di Marano, stage da Laura Biagiotti Pieralisi Roma), Daniela Micione (Moda Burgo di Pescara, sartoria Antonelli Napoli), Eleonora Petraio (istituto Degni di Torre del Greco, Medea Napoli), Antonietta Donnarumma (Ipsia Marconi di Torre Annunziata, atelier Anna Guarda di Ercolano), Katia Turchi (istituto Bettino Padovano di Senigallia, Kiton), Maria Renata Ippolito (sezione diplomate, atelier Gremano Reale di Grumo Nevano), Maddalena Gente (sezione diplomati, atelier Vincenzo Casapulla di Caserta), Linrong Su (Olga Fiorini di Busto Arstizio, atelier Alessio Visone), Giusy Sorrentino (sezione diplomati, Valentino a Roma), Meme Xhelaj (Moda Burgo Pescara, Raffaella Curiel Milano), Oxanna Zaporetz (sezione diplomati, Gattinoni Roma). Assegnato anche il premio per la migliore scuola alla New Euromode school diretta da Giuseppe Martucci a Casapulla, che ha vinto per i suoi iscritti una visita presso la maison di Valentino nella Capitale.
Nella serata presentata da Gianni De Somma e Paola Mercurio, molto apprezzate le esibizioni delle creazioni di Alfurs di Alberto Langella, Ilios costumi da mare di Annalisa D’Orso, borse e accessori di Silvia Rumore, Giemme accessori di Nunzia Duraccio e camicie su misura Tonia Esposito. La manifestazione anche quest’anno ha goduto dei patrocini morali di Regione, Provincia, Comune di Ercolano e fondazione Mondragone di Napoli. Soddisfatta l’organizzatrice:
“Ancora una volta – afferma Annabella Esposito – abbiamo registrato un pienone nella dimora di villa Campolieto trasformata in una straordinaria passerella. È questo il modo migliore per ripagare gli sforzi organizzativi sostenuti in questi mesi. La qualità degli abiti proposti dai partecipanti, anche a detta dei componenti della giuria, è cresciuta. Anche per questo già da subito ci sono arrivate conferme di partecipazione per l’edizione del prossimo anno”.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©