Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Confesercenti. Convegno a succivo


Confesercenti. Convegno a succivo
15/07/2011, 16:07

Domani 16 Luglio 2011 ore 18.00, presso la Casa nel Sole di Succivo si svolgerà un Convegno a tema: L’anello mancante: Accoglienza, Ascolto, Sostegno Spazio ai cittadini

Interverranno: Il responsabile dell’Associazione Casa nel Sole “ Dr. Salvatore Di Leva” Il Presidente Associazione Risvegli capofila del Progetto “ Dr. Mario Romano” La Responsabile dei Gruppi di auto e mutuo aiuto presso L’associazione Casa nel Sole “ Dr.ssa Francesca Castaldo”
La Responsabile del Punto ascolto presso L’associazione Casa nel Sole “ Dr.ssa Paola

Breve descrizione del progetto. 2010-2012 Progetto di Perequazione Sociale “L'Anello Mancante” di 2 anni e avviato ad aprile 2010 L’associazione Risvegli nella persona di Dr. Mario Romano medico Psichiatria, in qualità di OdV Responsabile di partnerschip e in collaborazione con il CSV Napoli, La casa nel Sole associazione di volontariato della provincia di Caserta, il Consorzio La Rada di Salerno, il Consorzio Co.Re di Napoli e l'associazione di volontariato il Mandorlo di Napoli. Il progetto mira da un lato a mettere in atto delle azioni che promuovano la cultura dell’integrazione delle persone affette da disturbi psichici con più iniziative coordinate, finalizzate a sensibilizzare l’opinione pubblica, e dall'altro, a mettere in luce le potenzialità che tali persone possono esprimere attraverso degli interventi appropriati. Quindi non solo un’azione di sensibilizzazione rivolta a tutta la cittadinanza e alle istituzioni preposte per attivare percorsi di cura ed integrazione, ma anche il coinvolgimento diretto dei malati e dei loro familiari. Il progetto si articola con una serie di iniziative operative sul territorio.

Sportello di ascolto e di orientamento su tutte le problematiche che riguardano il disagio psichico. L'equipe composta da psicologi ed educatori, si pone in un'ottica di intervento di rete con altre istituzioni(Comuni, ASL, DSM, etc..) con l'obiettivo di assicurare alle persone che vivono un disagio psichico e alle loro famiglie un adeguato servizio di informazione e di orientamento. Gruppi-famiglie di auto-mutuo-aiuto. Nell’ottica di un azione globale, dopo un aggancio delle persone affette da disturbo psichico si punterà a sostenere ed a rafforzare le famiglie. Tale attività permetterà di fornire strumenti adeguati ai familiari dei malati, per meglio affrontare la problematicità dei casi e a trovare conforto nel confronto franco ed aperto con persone che vivono lo stesso disagio.  Laboratori creativi di giornalismo, grafica e web-designer, regia e sceneggiatura. I laboratori mirano a far si che le persone possano sentirsi parte di un tutto sociale attraverso il gruppo di pari e di operatori. Quindi nei laboratori si lavorerà anche a favore della socializzazione e sul gruppo come mezzo di emancipazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©