Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

“Confesso che mi sono divertito, 100 anni di una vita straordinaria”: il documentario su Maurizio Valenzi


“Confesso che mi sono divertito, 100 anni di una vita straordinaria”: il documentario su Maurizio Valenzi
02/11/2011, 16:11

“Confesso che mi sono divertito – 100 anni di una vita straordinaria”: questo è il titolo del documentario, nato dalla collaborazione tra la Provincia di Napoli e la Fondazione Valenzi e dedicato a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983.

Il tributo, curato dalla redazione di Metronapoli Web Tv, intende ricordare la figura di Maurizio Valenzi come uomo, politico e artista ma anche ripercorrere, senza settarismi di parte, una lungo periodo di storia e di politica italiana e internazionale.

Nel documentario oltre al ricordo del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano compaiono le interviste esclusive ai figli Lucia e Marco Valenzi, all’ex deputato e presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa Andrea Geremicca, all’ex sindaco socialista Pietro Lezzi ed al regista Maurizio Scaparro.

A fare da narratore alle tante immagini inedite reperite attraverso le Teche Rai e l’Emeroteca Tucci è la voce dell’attore Mariano Rigillo mentre la produzione è stata coordinata dal Capo Ufficio Stampa del Consiglio provinciale di Napoli Domenico Pennone. La regia è stata curata da Roberto Maiorca con la consulenza storica di Federica Quatraro.

Il documentario sarà presentato in anteprima esclusiva per la stampa  mercoledì 9 novembre alle 12 e 30 al cinema Modernissimo a Napoli (Via Cisterna dell’Olio, 49). A seguire numerosi esponenti delle istituzioni, della politica e della cultura ne discuteranno insieme a Maurizio Scaparro e Mariano Rigillo in un dibattito condotto dal Segretario generale della Fondazione Valenzi Roberto Race.

“Ho apprezzato molto questo video – dichiara Lucia Valenzi – che non è un’operazione nostalgica, dettata solo dall’affetto, ma con capacità di sintesi e anche leggerezza ci permette di ripensare, attraverso la lunga storia di vita e di impegno nelle istituzioni di mio padre, ad un tipo di politica che riallacci il suo legame con i bisogni reali della comunità e con essa ritrovi rigore morale e alti ideali”.

Il documentario sarà proiettato per il pubblico giovedi 10 Novembre dalle 16.30 al cinema Modernissimo. L’ingresso è gratuito.

L’elenco completo delle personalità presenti all’anteprima sarà diramato alla stampa interessata nelle prossime ore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©