Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Continua il tour del fantautore Bugo, "Qualcosa di più importante"


Continua il tour del fantautore Bugo, 'Qualcosa di più importante'
25/04/2012, 11:04

Continua il tour del fantautore Bugo, "Qualcosa di più importante", che sarà protagonista il 27 aprile al Dejavu di Pozzuoli (Na) per una serata che vede per la prima volta insieme Galleria19, Sasquatch e Upnea Lab. Una nuova intesa dal nome "Rêve" tra realtà affermate della movida napoletana che proseguirà tutta l'estate con diverse e importanti proposte di eventi.

Il cantautore milanese presenterà, in occasione del live, "Comunque io voglio te", il terzo singolo estratto dall'album "Nuovi rimedi per la miopia" (uscito il 27 settembre per Universal Music), in uno spettacolo spiritoso dove, come di consueto agli eventi di Bugo, il vero protagonista è il pubblico attraverso la partecipazione attiva al concerto.

E se l'attenzione verso i dettagli è sempre fondamentale non c'è che da chiedere a "Rêve": si comincia alle 21 con l'aperitivo offerto dalla casa e l'Opening Act della dj donna più richiesta del momento Irene Ferrara; l'after party è affidato, invece, a dj Gianni Rallo uno dei protagonisti delle notti napoletane. nel corso della serata Viola Russo e Federica Natangelo intratterranno il pubblico con unos splendido spettacolo di danze aeree sopra lo sfondo delle arti visive di Fabio Catapano.




PhotoReportage a cura di FRANCESCA ROMANA SMIRNE







CENNI BIOGRAFICI BUGO

Vero nome Cristian Bugatti, nato nel 1973, trascorre gli anni giovanili tra le risaie del novarese. Il suo primo strumento è la batteria, ma presto passa alla chitarra e compone le prime canzoni. Nel 1994 fonda un gruppo, i Quaxo, che poco dopo scioglie per dedicarsi alla carriera da cantautore. Nel 2000 si trasferisce a Milano e nel 2002 firma per Universal. Produce diversi album, molto differenti uno dall’altro, che manifestano una tendenza a sperimentare con la forma canzone. Cantautore profondo e leggero, BUGO è un artista che fugge da qualsiasi definizione, da sempre aperto al mondo e con antenne capaci di captare ogni minimo movimento, sia fuori sia dentro, come testimoniato dall’ultimo album “Nuovi rimedi per la miopia”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©