Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

CONTINUA LA VOGLIA DI CENSURA PER LE TRASMISSIONI TV NON SERVILI


CONTINUA LA VOGLIA DI CENSURA PER LE TRASMISSIONI TV NON SERVILI
01/10/2008, 08:10

C'era da scommetterci che sarebbe successo, ed infatti è accaduto: dopo una sola puntata, l'Arma dei Carabinieri ha revocato a Margherita Granbassi, carabiniere semplice, l'autorizzazione a partecipare ad "Anno Zero", la trasmissione di Michele Santoro in onda su Rai Due il giovedì sera. Chi ha visto la partecipazione di giovedì scorso della Granbassi, ha visto che la sua partecipazione è stata a dir poco discreta, senza clamori e con una conversazione tranquilla ai margini quasi della trasmissione. Questo perchè probabilmente Santoro ha voluto proteggerla, lavorativamente parlando. Ma nonostante questo, la sua partecipazione è stata attaccata da esponenti di destra, come Maurizio Gasparri e Cossiga. Ed è buffo il comportamento di Gasparri: alle Olimpiadi ha applaudito ed elogiato la Granbassi; la settimana scorsa l'ha denigrata.

Quando ha saputo della revoca dell'autorizzazione, però la Granbassi si è ribellata, dichiarando che preferisce sfruttare questa opportunità di fare una cosa che è sempre stato il suo sogno, cioè la giornalista, anche se questo dovesse dire abbandonare l'Arma. D'altronde questa scelta non le impedirebbe di continuare anche a fare la schermidrice, come è successo ad Aldo Montano. Anche lui lasciò i Carabinieri, dopo le Olimpiadi del 2004 per dei contrasti sulla gestione della propria immagine, anche per la partecipazione al reality TV "La fattoria"; questo non gli ha impedito di partecipare, sia pure con un risultato non certo eccellente, alle Olimpiadi cinesi.

Il problema è un altro, però: come mai l'Arma ha cambiato idea? Non certo per il vestito, visto che indossava un abito di Laura Biagiotti che non era certo discinto o appariscente. Non certo per il suo intervento o per il suo atteggiamento, in qualche maniera lesivo dell'Arma o che può avere dato fastidio a qualche superiore. Non sarà che c'è stata una telefonata del Ministero della DIfesa, cui i Carabinieri sono subordinati, che ha trasmesso quest'ordine, visto anche il forte share (circa il 20%) raggiunto dalla prima puntata della nuova edizione? Perchè il 20% di share, per una rete che fatica in prime time a raggiungere il 10, rende complicato spiegare la cancellazione di quel programma, magari per sostituirlo con chi non vede gli spettatori neanche col cannocchiale, come successe quando nel 2003 sostituirono Santoro con Socci e creando un programma che battè ogni record negativo di share.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©