Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Continuano le iniziative dalla Fondazione Axel Munthe in Villa San Michele ad Anacapri


Continuano le iniziative dalla Fondazione Axel Munthe in Villa San Michele ad Anacapri
30/08/2011, 12:08

Venerdì 2 settembre 2011 alle ore 20.30, presso il Chiostro Piccolo della Certosa di San Giacomo di Capri, in occasione del Certosa International Arts Festival 2011, Villa San Michele in collaborazione con gli Amici della Certosa di Capri e con il sostegno dell'Ambasciata di Svezia, presenterà la compagnia Carrasco Dance di Stoccolma che si esibirà in due moderne coreografie, Bartolomeo e Burr, che esplorano i confini della danza contemporanea, attraverso contaminazioni circensi.

Infatti oltre alla coreografa e fondatrice del gruppo, Mari Carrasco e alle ballerine Elin Hallgren, Rita Lemivaara e Bianca Traum, sarà protagonista della performance anche l'artista Andreas Falk.

Uno spettacolo che si spinge al di là dei comuni confini e generi della danza, con l'obiettivo di raggiungere il pubblico in modo diretto, attraverso una ricerca che fonda insieme movimento, gestualità, ritmo, per giungere a una liberazione completa del corpo. Le coreografie, presentate sotto forma di atto unico, saranno impreziosite dalla spettacolare esibizione dell'acrobata svedese, mago del cerchio, apprezzatissimo nelle sue apparizioni con il Cirque du Soleil, che lascerà il pubblico a bocca aperta.

Bartolomeo: cinque donne, cinque testamenti, cinque sacchi di farina.

Bartolomeo è uno studio sul movimento potente causato dalla frustrazione interiore di cinque donne rispetto al loro ruolo nella società. Espressioni, sotto forma di gesti e scatti del corpo, che si concludono in un crescendo di movimenti di massa fisica e di liberazione. Stili di danza e musica diversi si incontrano, da quello orientale a quello house. E' divertente, imprevedibile, forte e stimolante.



BURR: Come un test, con movimento rigoroso e robotico, i ballerini esplorano la consapevolezza e la prestanza fisica del corpo umano. In contrasto con i movimenti più controllati, la musica - housebeat- è “pompata” pesantemente, al punto tale che ai ballerini a volte non resta che arrendersi. Energia e dinamismo sono impostati come punti di definizione e il movimento ne è l'obiettivo principale. "Burr" rappresenta la sensazione che si ha prima di un combattimento, un gioco che bisogna vincere...

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©