Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Costa d'Amalfi. A Scala Incontra "Garibaldi è stato ucciso a Caserta"


Costa d'Amalfi. A Scala Incontra 'Garibaldi è stato ucciso a Caserta'
28/08/2012, 14:45

Dopo il successo della cerimonia inaugurale che ha visto come testimonial d’eccezione Al Bano, prosegue in Costa d’Amalfi la decima edizione della rassegna “Scala Incontra…” che anima il più antico comune della Costa d'Amalfi solidale con New York, per dimenticare l'apocalisse dell'11 settembre. E per segnare nuovi percorsi per il futuro, con la consapevolezza del passato, i piedi nel presente e uno sguardo di speranza per l'avvenire.

 

Mercoledì 29 agosto terzo appuntamento dedicato interamente alla cultura. Alle ore 20 e 30 nell’Aula Consiliare del Comune di Scala in Piazza Municipio, lo scrittore Rosario De Simone presenta la sua seconda opera dal titolo “Garibaldi è stato ucciso a Caserta”.

 

Dopo la fortunata presentazione del giallo storico “Complotto contro Carlo di Borbone” per il secondo anno consecutivo, il funzionario della Commissione europea a Bruxelles, torna nella città del castagno. Diversi gli spunti di riflessione offerti dal libro su temi di grande attualità: delitti,  indagini, intrighi di corte e il classico finale con l’immancabile colpo di scena.

 

Dunque tutti  gli ingredienti che rendono stuzzicante la lettura. Le vicende narrate frutto dell’ elegante fantasia di De Simone, che per la seconda volta rende omaggio a Caserta, la sua città natale, troppe volte bistrattata, ma ricca di storia, cultura e ospitalità.

A moderare l’appuntamento il giornalista Emiliano Amato.

 

“Scala Incontra…” prosegue venerdì 31 agosto con il musical "Vittima di mafia, nome comune di persona" l'ultimo lavoro di Salvatore Ulisse Di Palma che racconta la storia di Gennaro Musella, l'ingegnere ucciso in Calabria 30 anni fa. Il testo, con prefazione di Pietro Grasso (tra i più venduti a Salerno), che verrà messo in scena dalla compagnia Magicamentemusical nella cornice di piazza Municipio alle 21.

Ma il fiore all'occhiello dell'edizione 2012 è senza dubbio la solenne commemorazione finale "Un canto di pace", condotta anche quest'anno da Massimo Giletti, che vedrà sul palco di Scala autorità politiche, (Giovanni Castellaneta, già Ambasciatore d'Italia a Washington eil Ministro Profumo), testimonianze di sopravvissuti, con i cantanti Marco Carta, Annalisa, Nair e Piero Mazzocchetti che terranno un concerto in memoria delle vittime dell'attentato alle Twin Towers.

Quest'ultimo evento, firmato Rai, si terrà l'8 settembre e sarà mandato in onda su Rai Uno domenica 16 settembre in seconda serata.

DA VISITARE:

SCALA ANDATA E RITORNO : Mostra fotografica di Marco Capasso (allestita presso la sede della Pro Loco di piazza Municipio), giovane artista che a Scala ha dedicato già lavori importanti. Nel ritorno, lo sguardo che ha incontrato paesaggi e architetture lontane diventa più acuto, più sensibile, più curioso: riscopre il luogo di partenza con occhi nuovi. La disposizione delle foto esposte racconta quest’esperienza visiva e insieme conoscitiva, rivelatoria. Ciò che è proprio si conosce solo attraverso ciò che è estraneo, scriveva un poeta tedesco. Ma perché ciò che ci circonda non cada nell’abituale e nel convenzionale, e torni a stupirci nuovamente, partire è necessario. È’ il semplice, ma insieme grande, segreto di questa mostra.

DA QUEST'ANNO UNA MOSTRA PERMANENTE SULL'11 SETTEMBRE. Curata dal Comune di Scala e dalla Fondazione Italia USA presso il Supportico San Lorenzo, in Piazza Municipio, rappresenta la più grande raccolta esistente di reperti relativi agli attentati al World Trade Center del 2001.

L'esposizione contiene pezzi rarissimi, a volte unici, come ad esempio la tuta di un vigile del fuoco del New York Fire Departmnent che è stato impegnato nelle operazioni di soccorso nella prima torre, ben 46 giornali quotidiani dei vari Stati americani del giorno successivo l'attentato, i principali magazine americani con speciali pubblicati in edizione straordinaria nella settimana dell'attacco terroristico, 12 spille commemorative coniate da varie istituzioni statunitensi, la rarissima busta e francobollo con annullo primo giorno dedicato dall'United State Poste Service alle vittime, due bandiere esclusive tra cui la nota "Flag of Heroes" riportante tutti i nomi degli eroi come poliziotti, pompieri, volontari, paramedici, che hanno perso la vita durante le operazioni di soccorso.

I pezzi, esposti in eleganti teche museali con vetro antisfondamento e sistema di videosorveglianza, illuminati da elementi sospesi, provengono dalla collezione privata di Corrado Maria Daclon, segretario della Fondazione Italia-Usa, e rappresenta per la quantità e la qualità degli esemplari una raccolta assolutamente unica in tutta Europa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©