Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Cous Cous Fest: la Francia vince la gara gastronomica. All'Italia il premio giuria popolare


Cous Cous Fest: la Francia vince la gara gastronomica. All'Italia il premio giuria popolare
29/09/2012, 14:00

SAN VITO LO CAPO (TRAPANI), 28 SET. La Francia è il paese vincitore del premio giuria tecnica, offerto da Unicredit, della 15\\esima edizione del Cous Cous Fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale di San Vito Lo Capo. La ricetta di cous cous con agnello brasato con cipolle al miele, uvetta, mandorle e spezie, preparata dalla chef Alice Delcourt, chef patron del ristorante “Erba brusca” di Milano, è stata infatti la più votata dalla giuria tecnica, formata da giornalisti ed esperti di cucina internazionali e guidata da Paolo Marchi. E’ il secondo anno di seguito che la chef conquista il premio più ambito della competizione, alla quale hanno partecipato nove paesi, Costa d'Avorio, Egitto, Francia, Israele, Italia, Marocco, Senegal e Tunisia. La chef è stata premiata da Salvatore Malandrino, direttore network famiglie e pmi Sicilia di Unicredit in una gremita piazza Santuario, alla presenza del sindaco di San Vito Lo Capo, Matteo Rizzo.  

“Anche quest’anno la rassegna – ha detto Rizzo – ha registrato il tutto esaurito attirando migliaia di visitatori che hanno riempito strutture ricettive, bar e ristoranti sul finire dell’estate. Il calendario di spettacoli di altissimo livello ha contribuito a questo successo così come l’ampliamento dell’offerta gastronomica e del programma culturale”. 

La ricetta che ha conquistato il primo premio giuria tecnica, “ha saputo coniugare – secondo le motivazioni della giuria - la tradizione con la creatività dell’alta cucina contemporanea. Cambiano i prodotti, ma non il risultato finale: vince la Francia, per il secondo anno consecutivo, grazie alla bravura di Alice Delcourt che lo scorso anno stupì con un cous cous di pesce e adesso ribadisce la sua bravura con uno di agnello”.

E’ andato invece all’Italia il premio giuria popolare, offerto da Bia Spa, azienda leader nella produzione e commercializzazione di cous cous convenzionale e biologico, con il cous cous di pesce al profumo di finocchietto preparato da due chef sanvitesi, Piera Spagnolo e Katia Abrignani, e dallo chef Fabrizio Ferrari di Lecco, premiati da Luciano Pollini, amministratore delegato di Bia Spa.

Assegnati anche due premi speciali. Pari merito per la migliore presentazione Electrolux al cous cous a sorpresa del Marocco e alla “ruspante ricchezza” del cous cous di pollo e ceci della Palestina, premiati da Emma Corocher, marketing manager Italia di Electrolux Professional. Il premio Sicilconad cheap and taste, novità di quest’anno, assegnato al cous cous più buono ed economico è andato, infine, all’Egitto, “perché ha saputo sommare alle note felici di un cous cous di verdura il sentore della cannella, la cremosità della panna acida e la ricchezza dell’’uovo strapazzato”. Gli chef egiziani Aly Mohamed e Ahamad Mohamed Aly sono stati premiati da Francesco Arena direttore generale di Sicilconad.

La chef Alice Delcourt,  chef e sommelier franco-statunitense, vincitrice del premio giuria tecnica, ha lavorato al ristorante “Alice” e “Il Liberty”, a Milano, ma anche al “The River Cafè” di Londra e nelle cucine dello “Yacht Club” di Porto Cervo, in Sardegna. Secondo il presidente della giuria tecnica, Paolo Marchi, “è stata un’edizione di una qualità media particolarmente elevata, senza nessuna preparazione deludente e 3 o 4 vette di grande intelligenza e sapienza.” Il Cous Cous Fest prosegue fino a domenica tra degustazioni, laboratori gastronomici, incontri e concerti.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©