Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

"Se non hai chi ti appoggia è difficile proporre certi temi"

Crisi Fiction, Mori:"In Rai non c'è coraggio"


Crisi Fiction, Mori:'In Rai non c'è coraggio'
08/07/2010, 21:07

ROMA - Nonostante  "i prodotti di qualità e i successi" i produttori di fiction Rai denunciano un forte crisi di settore e danno l'impressione di voler gettare la spugna. Al disfattismo rassegnato ed autogiustificativo risponde però prontamente Claudia Mori con una velenosa riflessione:"Se in Rai non hai una persona che ti sostiene è difficile promuovere temi diversi da quelli consolatori delle solite fiction - denuncia infatti la conduttrice di "Ciao Ragazzi"-. E' dura fare fiction qualità perché manca il coraggio. Se non ci fosse stato Del Noce, 'Rino Gaetano' e 'Basaglia' non sarebbero andate in onda".
Parla in maniera più generica il presidente dell'Associazione Produttori Televisi Fabiano Fabiani che, sulla crisi profonda della fiction, precisa che ad essere maggiormente sferzati sono maggiormente quei contenuti che "rappresentano
proprio quella risorse che consentirebbe alle emittenti di uscire dalla crisi stessa". Per Fabiani, in conclusione, la crisi è dovuta in prevalenza a due motivazioni principali:"La prima è il budget della Rai riservato alla produzione, che è sceso del 33%, la seconda è il difficile rapporto tra i broadcaster e produttori televisivi e la terza riguarda un problema normativo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©