Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Stamattina i sigilli dei carabinieri agli scavi di Pompei

Crollo Domus dei Gladiatori: Procura sequestra area


Crollo Domus dei Gladiatori: Procura sequestra area
09/11/2010, 16:11

POMPEI - Non solo la Casa dei Gladiatori. Il tragico crollo della struttura all’interno degli scavi di Pompei, avvenuto sabato, potrebbe non essere purtroppo un caso isolato. A rischio, adesso, ci sarebbero anche altri celebri luoghi dell’antica Pompei. Porta Marina, Villa dei Misteri, la Cinta Muraria, sono solo alcuni dei posti ammirabili negli scavi e che potrebbero cedere alle insidie del tempo. Per chi abbia il privilegio di passeggiare per le vie dell’antica Pompei, è impossibile non notare lo stato di degrado e l’urgenza che richiedono alcuni siti. In cima alla lista c’è via dell’Abbondanza, strada dove insisteva la casa dei gladiatori crollata sabato mattina. L’area questa mattina è stata ora sottoposta a sequestro dai carabinieri di Torre Annunziata, su ordine della procura oplontina. Le macerie, transennate, sono ancora lì, lungo le strade fatte di pietra lavica, e le forze dell’ordine non hanno potuto far altro che coprirle in parte con un telo bianco. Come si fa per un essere umano deceduto. Nella stessa zona ci sono anche le Terme Stabiane, chiuse da tempo proprio per interventi di messa in sicurezza. Lì i fondi statali, sono forse arrivati per tempo. Ma la sensazione è che c’è ancora tanto da fare. La situazione, pertanto, va risolta al più presto. E in soccorso degli scavi giungono le proposte degli imprenditori vesuviani, già dettisi pronti ad investire per ridare splendore al sito archeologico. Ma sarà necessario ricorrere ai privati?

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©