Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Dal 14 al 17 ottobre la quindicesima edizione di Artecinema


Dal 14 al 17 ottobre la quindicesima edizione di Artecinema
07/10/2010, 16:10

NAPOLI - Torna anche quest’anno al Teatro Augusteo l’atteso appuntamento con Artecinema, il festival internazionale di film documentari sull’arte contemporanea. Dal 14 al 17 ottobre a Napoli la quindicesima edizione di uno degli eventi più attesi del settore, che vede la presenza di circa 6mila spettatori. Il Presidente Napolitano lo ha premiato con una medaglia, definendolo “uno degli appuntamenti culturali di maggior rilievo del territorio campano.” Artecinema è patrocinato da dal Senato della Repubblica, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Ministero per lo Sviluppo Economico, dal Ministero dell’Università e della Ricerca, dalla Regione Campania, dalla Provincia di Napoli, dal Comune di Napoli, dalla Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano, dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici di Napoli e Provincia, dalla Soprintendenza Archivistica per la Campania, dall’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e dalla Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Diviso in tre sezioni (Arte e dintorni, Architettura, Fotografia), il festival  prevede un ingresso totalmente gratuito, con proiezioni in lingua originale provviste di traduzione e interventi di registi, artisti e produttori. Tra le tematiche della rassegna documentari viene affrontata la memoria attraverso il film Les vies possibles de Christian Boltanski, oltre al tema del potere  che si vede in About Jenny Holzer, di Claudia Muller. Da annoverare nella sezione Architettura il film Learning from Light: the Vision of I.M Pei di Bo Landin e STERLING Van Wagenen, che racconterà il museo di arte islamica del Qatar inaugurato nel 2008. Infine per la sezione Fotografia sarà presentato Deserto Rosa: Luigi Ghirri di Elisabetta Sgarbi, con le voci di Toni Servillo e Andrea Renzi e le musiche di Franco Battiato che faranno da sottofondo alle immagini poetiche di Luigi Ghirri.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©