Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Musica da ascoltare e strumenti da riscoprire

Dal 5 al 7 febbraio "Popolo 'e tammurriata"


Dal 5 al 7 febbraio 'Popolo 'e tammurriata'
01/02/2010, 10:02

Sarà di nuovo l’incantevole cornice dell’ Albergo della Gioventù Ave Gratia Plena di Salerno a ospitare dal 5 al 7 febbraio 201 la II edizione di “POPOLO ‘E TAMMURRIATA”.
La manifestazione, promossa dall’Associazione Daltrocanto in collaborazione con Area Sud –Circuiti Culturali e realizzata con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche del Lavoro della Provincia di Salerno, guarda alla musica popolare come un inestimabile patrimonio culturale da tutelare e trasmettere, ma anche come concreta opportunità di lavoro per quanti, soprattutto giovani, vogliano impegnarsi nei suoi diversi settori, dall’artigianato di qualità degli strumenti tradizionali alla ricerca, dall’esecuzione musicale all’organizzazione di eventi.
Intorno a questi temi si incontreranno, in un’ottica di scambio di esperienze, pubblici amministratori, costruttori di strumenti, giornalisti, musicisti e semplici appassionati.
Ma “POPOLO ‘E TAMMURRIATA”, quest’anno idealmente dedicata a Sicilia e Calabria e Campania, è soprattutto musica da ascoltare e strumenti da ri/scoprire: da quelli della tradizione siciliana e calabrese come marranzano, friscaletto, zampogna a paru, chitarra battente, lira e doppi flauti alle nostre zampogne e ciaramelle; dagli strumenti “perduti” come il colascione di Caramanico, il bassetto a tre corde, l'altobasso e il buttafuoco a quelli recuperati come l’arpa popolare di Viggiano, sino alle gaite e musette d’oltre confine.
Infine, la serata di domenica sarà interamente destinata alla danza, a partire da un approfondimento sulla specificità della tarantella montemaranese per concludersi con una vera e propria festa i cui saranno protagonisti i cantori, suonatori e ballatori tradizionali di tammorriata della provincia di Salerno.
Inoltre, per tutta la durata della manifestazione liutai, costruttori di zampogne, ciaramelle, castagnette, tamburi a cornice e altri strumenti popolari esporranno le loro opere e saranno a disposizione degli interessati per soddisfar ogni curiosità sul loro lavoro. 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©