Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Evento nel segno della religiosità

Dal 7 settembre torna la Festa di Piedigrotta

Domenica 16 lo spettacolo dei fuochi pirotecnici

.

Un'immagine dello spettacolo dei fuochi pirotecnici delle scorse edizioni
Un'immagine dello spettacolo dei fuochi pirotecnici delle scorse edizioni
04/09/2012, 15:26

NAPOLI - Le luci, la musica, i carri. Ma anche le processioni e i canti alla Vergine Maria. Tra sacro e profano, Piedigrotta resta come ieri la festa di Napoli, città che di folklore e preghiera da sempre ci vive. E torna ad esserlo quest’anno, dal 7 al 28 settembre, mettendo in scena la tradizione di una festa storica, insieme alla religiosità della Serenata alla Madonna di Piedigrotta, protettrice dei pescatori. 
"In questa edizione - spiega Antonella Di Nocera, assessore alla cultura del Comune di Napoli - come amministrazione abbiamo affiancato e sostenuto i desideri della comunità, tornando alla religiosità di un tempo. Il territorio che accoglierà l'edizione di quest'anno include il santuario di Sata Maria di Piedigrotta e il lungomare Caracciolo, la spiaggia di Mergellina e l'omonima stazione ferroviaria, la Villa Comunale con la Cassa armonica e la Casina pompeiana e il Teatro di San Carlo".
Tanti e vari i momenti clou delle tre settimane di festeggiamenti, realizzate con i fondi Por destinati alle attività turistiche. Si parte venerdì 7 con la processione e l’accensione delle luminarie, che quest’anno saranno a risparmio energetico. Domenica ci sarà la sfilata dei bambini con i vestitini di carta per via Caracciolo. Lunedì 10 l’attesa Serenata alla Madonna, giunta alla sua trentesima edizione, e che vedrà protagonisti l’attore Benedetto Casillo e l’artista Angela Luce. Domenica 16 il consueto spettacolo a mare coi i fuochi pirotecnici. Il 18, invece, la storia di Piedigrotta sarà raccontata al Teatro San Carlo dal maestro Roberto De Simone.  

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©