Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

De Girolamo su falso made in Italy

Interpol blocca commercializzazione “Wine Kit” Regno Unito

De Girolamo su falso made in Italy
17/07/2013, 12:30

La lotta al falso Made in Italy ha ottenuto un risultato molto positivo, grazie ad un’operazione di cooperazione di polizia internazionale, sollecitata dai NAC dei Carabinieri con il supporto del Ministero degli Interni, che ha bloccato la vendita del wine-kit nel Regno Unito. È la prima volta infatti che la battaglia al falso Made in Italy va oltre la tutela commerciale, assumendo rilevanza sul piano della cooperazione di polizia internazionale.

“È un risultato straordinario – commenta il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Nunzia De Girolamo – e ringrazio i NAC per il grande lavoro svolto in questi mesi nell’attuazione di questa operazione.  Con la cessazione delle vendite di prodotti non conformi,  è stata di fatto riconosciuta la frode nei confronti dei consumatori inglesi. Un grande punto a favore della  battaglia per la tutela del Made in Italy, una ricchezza e una risorsa preziosissima per il nostro Paese, che continuerò a difendere con tutte le forze e i mezzi a disposizione. Posso garantire che questo è un primo e fondamentale passo, e che cercheremo di estendere la cooperazione internazionale a tutti i  Paesi in cui il problema del  falso è noto”.

La frode del wine kit è stata spesso oggetto di attenzione anche in passato degli organi di informazione e Associazioni di categoria. Si tratta di un preparato solubile in acqua che nella presentazione e pubblicità veniva assimilato al vino, e in particolare ad alcuni vini a Denominazione di Origine Protetta e Indicazione Geografica Protetta, tra i quali le DOP “Chianti”, “Barolo”, “Valpolicella” e “Montepulciano d’Abruzzo”, e altri prodotti con specifico disciplinare di produzione in definite aree geografiche, quali l’Avola IGP. Il prodotto non è chiaramente conforme ai disciplinari di produzione del vino, né tanto meno a quello rappresentato dalle denominazioni usurpate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©