Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Il Leader Idv accusa Minzolini:"E' un gossipparo".

Di Pietro attacca Minzolini



Di Pietro attacca Minzolini
23/06/2009, 16:06

Dal suo insediamento come direttore del Tg1, il buon Augusto Minzolini, pare essersi già trascinato dietro una scia liquamosa e pesante di critiche ed obiezioni. Su facebook compaiono e si infoltiscono rapidamente gruppi come:"Boicottiamo il tg1" e su youtube spopolano i video che metterebbero in luce la scarsissima obiettivà del telegiornale della principale rete della tv di stato; accusato di censura ed informazione di parte.
E proprio oggi, a seguito delle dichiarazioni di Di Pietro e alle accuse mosse da quest'ultimo nei confronti del dott. Minzolini ("Ha oscurato l’Italia dei Valori"; lamenta il sempre fervente ex pm), il Giornale si schiera in maniera fin troppo plateale e faziosa al fianco del direttore del Tg1.
Attraverso le dichiarazioni del portavoce del Pdl Daniele Capezzone e del senatore Alessio Butti, si leggono infatti i soliti e poco originali riferimenti alla scarsa conoscenza dell'Italiano dimostrata dal leader dell'Idv, alla sua presunta volontà di ammanettare mezza italia e alle sue sempre presunte "questioni immobiliari". Al di la della ragione che, a quanto pare, per il Giornale e i suoi intervistati è tutta di Minzolini, a noi fa riflettere un semplice dato: la forte, fortissima e quasi cieca presa di posizione a favore del direttore del tg1 da parte de "Il Giornale". Se infatti qualche dubbio di servilismo e scarsa obiettività da parte di Minzolini poteva sorgere, la reazione subitanea e "violenta" del quotidiano di proprietà di Berluscni, non fa altro che aggiungere a tale precedente e ragionevole dubbio altre riserve. A questo punto i motivi di tale lista di insulti rivolti a Di Pietro possono essere soltanto 2.
1. I dipendenti di Berlusconi attaccano i suoi avversari politici per partito preso.
2. Minzolini è effettivamente "l'Emilio Fede del servizio pubblico" e, in quanto tale, va difeso in tutti i modi e con le solite accuse di "invidia", "arroganza" ed "intimidazione" rivolte a chi lo critica (con o senza ragione).
Altro "dato" significativo riguarda una passata dichiarazione di Minzolini. Dichiarazione secondo la quale:"Il Politico non ha un privato" (frase/convinzione risalente al 1994).

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©