Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

“Dialoghi in basilica: combattere l’illegalità per vivere nella legalità


“Dialoghi in basilica: combattere l’illegalità per vivere nella legalità
03/11/2012, 08:52

Stefano, Antonio, Pino, Gerardo, Andrea sono nomi propri di persona ma anche nomi comuni della nostra esistenza. Quanti Stefano, quanti Antonio, quanti Pino, quanti Gerardo, quanti Andrea abbiamo conosciuto e conosciamo nelle nostre vite. Eppure questi nomi hanno qualcosa in più, storie diverse ma accomunate dalla stessa drammatica fine : sono i nomi delle vittime innocenti di criminalità morte a Casoria. Nomi che raccontano di storie di vita comuni, ordinarie interrotte drammaticamente . Stefano, 17 anni, ucciso da un coetaneo durante un tentativo di rapina; Antonio, edicolante ucciso per aver rimproverato un ladro d’uva; Pino e Gerardo, vigilantes, uccisi, da criminali vicini al clan Sarno, a colpi di kalashnikov durante un tentativo di rapina; Andrea, ucciso “per sbaglio”, come si usa dire da queste parti, fuori al suo bar durante un agguato camorristico.

Per non dimenticare i loro nomi, per non dimenticare le loro vite, per non dimenticare il dolore dei loro familiari, per chiedere giustizia e verità  il 7 Novembre 2012 alle ore 17 ci riuniremo nella Basilica di San Mauro per ricordarli, per interrogarci, per capire cosa può fare ognuno di noi affinché si evitino altre morti così assurde, affinché ci sia una presa coscienza collettiva, un rifiuto collettivo verso forme di vita criminali.

 

 Mercoledì 7 Novembre 2012, ore 17.00 – Basilica di San Mauro Abate (Casoria)

 

SALUTI:

Don Mauro Zurro, preposito di San Mauro Abate

Dott. Vincenzo Carfora, sindaco di Casoria

 

INTERVENTI:

Prof.ssa Luisa Marro, assessore alla Cultura

Maria Saccardo, referente Libera Afragola-Casoria

Geppino Fiorenza, referente Libera Campania

Don Tonino Palmese, referente Libera Campania

Don Maurizio Patriciello

 

MODERA:

Avv. Giuseppe Storti

 

 

Seguirà un corteo con partenza dalla Basilica di San Mauro Abate ed arrivo in Villa Comunale, dove sarà piantato un albero con targa in memoria delle vittime innocenti della criminalità e deposta una corona di alloro al monumento di Mauro Mitilini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©