Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

'Faide' tra pizzaioli e ...non solo

Diritto alla Pizza: tutela dei valori familiari e sapori legali


Diritto alla Pizza: tutela dei valori familiari e sapori legali
07/12/2018, 14:51

Diritto alla pizza è un viaggio, inaspettato, nei meandri storici, giuridici e sociologici del piatto più famoso del mondo: la pizza. L’avvocato Angelo Pisani, autore del testo, è riuscito nella mirabile impresa di cimentarsi, con professionalità e originalità, in uni dei meandri sino ad oggi inesplorati dell’Universo culinario. Si parte dal racconto delle tante faide che si sviluppano nelle famiglie dei pizzaioli per chi può utilizzare il cognome di famiglia o godere della tradizione donata da nonni per stigmatizzare egoismi ed ingiustizie che non fanno onore ai veri valori e diritti della prelibata tradizione gastronomica napoletana . “La Pizza, grazie anche ad un movimento del quale in particolare i napoletani hanno l’onore e il piacere di far parte, è un caposaldo non soltanto della cucina italiana ma è un manifesto culturale capace di sprigionare tutte le migliori tradizioni da tavola di Napoli e della Campania”. Il primo libro sulla pizza porta in dote una attenta prefazione del magistrato Nicola Graziano, sempre molto attento alle dinamiche sociali, oltre che giuridiche, della propria regione di appartenenza. La pizza è dunque considerata come un caposaldo del volgo, ovvero del ceto popolare, senza dimenticare le proprie aderenze storiche. L’associazione di pensiero, libera ed immediata, fra Napoli e la Pizza è un assaggio retorico quanto mai pertinente sul perché la meravigliosa città del regno borbonico ed il suo prodotto culinario più riuscito siano indissolubilmente legate. “Mangiare una pizza Margherita significa portare con sé un po’ di Napoli: tutto questo ha un valore unico”. La guerra fra le famiglie per i marchi, la voglia di misurare la forza nella diffusione di un prodotto che nessun chef stellato potrà mai disarcionare dalla darsena della città più bella del mondo: Napoli.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©