Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

DISEGNA LA TUA CITTA' AL MADRE


DISEGNA LA TUA CITTA' AL MADRE
10/01/2008, 09:01

A partire dal 13 gennaio 2007 il Madre ospita nella Project Room N.EST con N.EST 2.0 The making of the city - Disegna la tua città, progetto che ha l’obiettivo di documentare le trasformazioni urbane attraverso l’arte, la creatività ed i nuovi media, a cura di Gigiotto Del Vecchio e Stefania Palumbo. 
Dal 13 gennaio al 25 febbraio 2008 lo spazio sito nel cortile interno del museo sarà “abitato” per sette settimane da N.EST, un’opera in forma di database on-line curata e diretta da Danilo Capasso e Giovanni Ferrarelli con Massimiliano Rianna e Diana Marrone, che prende il nome dalla Zona Orientale di Napoli di cui si occupa dal 2004. Il progetto si pone l’obiettivo di testimoniare le trasformazioni e disegnare proposte di rigenerazione urbana attraverso lo sguardo e la riflessione di artisti, architetti e creativi di ogni nazionalità, chiamati a pensare opere e progetti site specific, attraverso una mappa dei luoghi a cui si riferiscono o dai quali traggono ispirazione.
Liberamente accessibile in rete all'indirizzo www.napoliest.it, N.EST scava nelle pieghe della rappresentazione di un territorio reale, la periferia orientale di Napoli, con l’intento di renderla una tavola di progetto condivisa da altri artisti, architetti, urbanisti, cittadini e portatori di interesse.  
In occasione di N.EST 2.0 - Disegna la tua città, intesa come una vera e propria performance collettiva e progettuale, gli spazi della Project Room saranno attrezzati come un vero e proprio studio/laboratorio luogo presentazione di contenuti sempre attivo.
I membri del progetto lo useranno giorno per giorno per l’organizzazione e lo svolgimento delle attività programmate negli orari di apertura del museo. Uno spazio semplice e conviviale, dove mettere in relazione il progetto e le sue finalità con il pubblico di osservatori e partecipanti attivi, che potranno fermarsi a confrontare le loro idee con gli artisti o essere a loro volta motivo di suggestione per gli stessi. 
Il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 14.00 alle 20.00 a partire dalla prima settimana e per tutta la durata della mostra, all’interno della Project Room, insieme agli artisti autori di N.EST, un pubblico selezionato di 8 persone potrà partecipare ai laboratori di produzione di opere e progetti site specific che saranno pubblicati sul database e visibili sia all’interno del museo, sia all’esterno sul sito web www.napoliest.it presentato nella sua nuova versione insieme alla N.EST Tv in occasione della mostra al MADRE.
Per partecipare ai laboratori occorrerà rispondere alla call x entries pubblica il cui bando di partecipazione è pubblicato su www.napoliest.it e dovrà essere inviato a callx@napoliest.it.
Coloro i quali non parteciperanno ai laboratori ma vorranno al pari inserire i propri lavori e progetti, potranno inviarli in lettura durante la mostra. Il montaggio ed editing continuo di materiali per il database sarà curata direttamente dagli artisti di N.EST. 
I lavori di artisti e architetti si estenderanno al territorio oggetto dell'opera: Gianturco, Barra, Ponticelli e San Giovanni a Teduccio attraverso visite guidate organizzate con i bus CitySightSeeing tutti i sabati a partire dal 19 gennaio, con partenza alle ore 12 dal MADRE sarà possibile prenotarsi presso walk@napoliest.org. 
A partire dal 20 gennaio inoltre tutte le domeniche della durata del progetto, saranno organizzate conferenze ed incontri di approfondimento con ospiti di rilievo internazionale, dal collettivo francese Exyzt, alle riviste d’architettura Volume Magazine e Domus, agli imprenditori e collezionisti Mariano Pichler e Federico De Giuli (artefici della rigenerazione degli est milanesi e torinesi), all'osservatorio INWARD, per citarne alcuni. Tutti si recheranno a Napoli per studiare il suo EST, ne restituiranno una o più visioni progettuali e condivideranno con il pubblico le attività svolte nella città di appartenenza. I talk si terranno nella Chiesa di Donnaregina dalle ore 18.00 alle 20.00.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©