Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

DIVINO JAZZ FESTIVAL: CHIUSURA TUTTA PARTENOPEA


DIVINO JAZZ FESTIVAL: CHIUSURA TUTTA PARTENOPEA
20/09/2008, 12:09

La chiusura della V Edizione del Divino è affidata ad un'orchestra poliforme e instancabile, Domenica 21 settembre, l'Orchestra Napoletana di Jazz e guest star Raiz, ex voce degli Almamegretta. Dopo aver assistito al jazz al femminile di Stefania Tallini, al gruppo olandese Jazzmania Big Band, agli appassionati Avion Travel e Rabih Abou – Khalil, a calcare il palco del festival "divino" per definizione è l'Orchestra Napoletana di Jazz, impegnata da anni in un'opera di recupero in chiave jazzistica di composizioni tratte dal repertorio tradizionale partenopeo. Guest star della serata sarà l'anima mediterranea, Raiz, che  come assoluta novità presenta anche "Lazzari Felici" di Pino Daniele e mescola "Caravan" con la "Caravan Petrol" di Renato Carosone. «Rino è bravissimo, è il vero cantante napoletano riportato ai tempi d'oggi», dice Mario Raja, direttore della ONJ - "con l'orchestra napoletana lavoro in modo da combinare il rigore di scrittura con l'improvvisazione, adeguandomi ai musicisti con i quali ho a che fare" conclude  Raja.

I concerti sono immersi nell'area del villaggio artistico battezzato dal Divino,  Jei Village e costano 10 euro.
L'ingresso al villaggio, invece, è gratuito. Uno spazio dove gustare vino, ascoltare musica live, assistere alle varie espressioni di performing art, arti visive e danza. Esposizioni pittoriche e fotografiche, fra queste la personale di fotografia "Terra mia », dedicata a Pino Daniele, e curata da Federico Vacalebre con Pino Miraglia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©