Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La Tradizione delle fiere contadine del Sannio

Dolcezze d’autunno alla Fiera di Paduli


Dolcezze d’autunno alla Fiera di Paduli
06/10/2010, 15:10

PADULI (BN) - La Fiera d’Autunno ritorna dal 15 al 17 ottobre a riportarci la dolcezza dei frutti di stagione: castagne, mele, cachi, zucca insieme agli altri prodotti autoctoni di qualità: le carni, il vino, il pane. La Fiera d’Autunno di Paduli in provincia di Benevento, richiama alla memoria le fiere contadine del bestiame che si svolgevano periodicamente nei paesi dell’Appennino Centrale per favorire lo scambio delle merci e quindi l'economia della comunità locale. Creare un’offerta turistica legata alle produzioni locali di qualità, è l’obiettivo degli organizzatori che, con grande impegno e senza alcun finanziamento, resistono sul territorio per migliorarne la fruibilità, la vivibilità. L’associazione Hortus Latus, infatti, promuove attivamente la conoscenza e la difesa del patrimonio naturale e culturale di Paduli attraverso progetti di valorizzazione delle risorse materiali e immateriali. Al sesto anno questa manifestazione vede coinvolti nell'organizzazione tutti gli attori locali: le scuole, le famiglie, la pro loco, la parrocchia, le associazioni che operano sul territorio come Slow Food a dimostrare che la fiera è un’occasione per fare insieme. L’evento, risentendo dello stato di crisi generale che attraversa la nostra economia, propone comunque un programma fitto di attività culturali legate al mondo agroalimentare, vitivinicolo e artistico. In dettaglio il programma prevede gli Hortus labs: incontri di conoscenza per raccontare da vicino il territorio e i suoi prodotti. Grande attenzione sarà rivolta ai bambini che potranno giocare liberamente al parco giochi itinerante, con la supervisione del Gruppo Pionieri della Croce Rossa Italiana di Benevento, mentre il mercato dei prodotti locali e le mostre d’arte potranno allietare la passeggiata dei genitori. Un'altra tradizione importante che la Fiera d'autunno presenta è la gastronomia di qualità; i piatti che si potranno degustare nei tre giorni della manifestazione saranno: laina e ceci, cicatielli con ricotta di pecora, salsiccia alla brace, peperoni ripieni, caciocavallo impiccato, scamorza alla canna e per domenica a pranzo anche l'aperitivo con bocconcini di baccalà e verdurine in pastella con prosecco. Infine l’invito a tutte le aziende che vogliono aderire all’esposizione, a contattare l’associazione Hortu Latus perché partecipare alla fiera d’autunno è un’occasione da non perdere!

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©