Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Domani alla Fnac presentazione di "Parole strappate alla notte"


Domani alla Fnac presentazione di 'Parole strappate alla notte'
22/10/2012, 17:10

Si presenta martedì 23 ottobre 2012, alla FNAC Napoli, alle ore 18.00, Parole strappate alla notte, il primo romanzo di Roberto Marrone, edito da Tullio Pironti. A discuterne con l'autore lo scrittore Valerio Lucarelli e il giornalista Francesco Romanetti. Modera Marco Ottaiano. 


Il debutto letterario di Marrone, napoletano, classe 1955, è un diario romanzato sulla stagione degli anni di piombo, scritto da chi ha attraversato quell'epoca per intero e oggi rifugge l'etichetta di "ex terrorista".
Un doppio registro temporale in cui si dipana la trama del romanzo che finisce per mettere a confronto un passato che è stato e un presente che è assenza di senso. Uno scenario che smarrisce Carlo, il protagonista, e lo induce a scegliere una forzata reclusione in casa, scatenando un conflitto tra la sua memoria e quello che è veramente accaduto. Riaffiorano immagini del passato e ritorna alla mente l'esperienza del carcere, i sogni di bambino e quelli di adulto. Fatti e volti dispersi e di colpo ritrovati, tessono la narrazione e la vita del protagonista, che di notte strappa le parole al silenzio e di giorno prova a ricomporre i ricordi smarriti. Sullo sfondo la città che nel frattempo è profondamente mutata e osserva inerme la perdita d’identità e la difficoltà di dare un senso al quotidiano.

Roberto Marrone è nato nel 1955 a Napoli, città in cui vive e lavora. Laureato in Filosofia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", ha a lungo militato in una stagione in cui gli uomini sembravano gareggiare per essere uguali.

«Lo specchio rotto della storia non può restituire tutta la verità
e non lenisce nessun dolore.
Stazioni di passioni in una lunga Via Crucis
in cui le fermate non rappresentano nessuna sosta
e non danno ristoro.
A chi resta tocca camminare»
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©