Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Presenti anche volti della politica e della televisione

Domani alle 14 il via al "No Berlusconi Day"


Domani alle 14 il via al 'No Berlusconi Day'
04/12/2009, 20:12

ROMA - E' partito il conto alla rovescia per il "No Berlusconi Day", l'evento creato dal popolo di facebook e che si terrà nella città di Roma.
Start alle ore 14 di domani da piazza della Repubblica per il corteo umano che giungerà fino a piazza San Giovanni.
Attesi per l'occasione circa 300mila partecipanti, anche se il gruppo creato sul social network più famoso al mondo ne conta ad oggi più di 358mila.
"Una manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni di Berlusconi", questo il titolo del gruppo facebookiano, che è riuscito ad andare ben oltre le proprie aspettative superando anche la presuntuosità di qualche politico che ha tentato di accollarsi la paternalità dell'evento.
La giornata del "NO" al premier italiano è stata pubblicizzata su più campi e in più Paesi del mondo, ma raccoglierà di fatto solo i pareri di persone comuni. Gli unici, a quanto pare, che domani avranno la possibilità di salire sul palco allestito a piazza San Giovanni per esprimere le proprie opinioni.
Anche se, tra queste, non mancheranno i volti noti della politica, della televisione e del cinema.
In testa, Antonio Di Pietro con il gruppo Italia dei Valori, seguito a ruota dagli esponenti del Partito Democratico (sicure le presenze di Franceschini, Bersani e Rosy Bindi) e di altri partiti del centrosinistra, nonchè dalle facce famose di Nanni Moretti, Daniele Luttazzi e Dario Fo.
Tutti riuniti in un unico corteo, senza bandiere nè simboli, per una volta. Tutti presenti alle 18.30 in piazza San Giovanni dove un altro volto noto al pubblico, Roberto Vecchioni, terrà un concerto personale e gratuito per tutti i partecipanti alla manifestazione. Solo per loro, anche perchè chi starà a casa non potrà vedere neanche un minuto di diretta dell'evento data la decisione dei vertici RAI di oscurare la diretta del "No B. Day" inizialmente in programma su Rai3.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©