Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Domani comincia il Napoli Film Festival 2011


Domani comincia il Napoli Film Festival 2011
12/10/2011, 09:10

Tutto pronto a Castel Sant’Elmo per la XIII edizione del Napoli Film Festival che parte domani, giovedì 13 ottobre, e si concluderà martedì 18.

Anche quest’anno la fortezza medievale che domina la città accoglierà un fiume di celluloide, offrendo agli appassionati napoletani un menù di cinema ricchissimo: si potranno riscoprire 9 capolavori del maestro russo Andrej Tarkovskij (tra cui Sacrificio il suo ultimo film praticamente inedito in Italia) esplorare le sperimentazioni dei nuovi cineasti napoletani con i 42 cortometraggi e i 20 documentari della sezione Schermo Napoli, scoprire nei 17 cortometraggi la creatività dei ragazzi che hanno partecipato a Schermo Napoli Scuola. Ma la scorpacciata di cinema prosegue con il Concorso Europa Mediterraneo che quest’anno propone sette film inediti in Italia ma di grande successo nei paesi di produzione e che promettono di essere delle gustose scoperte per il pubblico napoletano: si comincia con la commedia israeliana A cinque ore da Parigi per proseguire con l’erotismo dello sloveno Detto tra noi e il divertimento della commedia francese Dernier etage, gauche, gauche. In tutto saranno 103 i titoli proiettati nelle sei giornate del Napoli Film Festival, distribuiti tra il grande auditorium e le altre sale cinematografiche allestite nel Castello.

“Abbiamo cercato alcune chicche delle cinematografie del mediterraneo e dei paesi dell’est – spiega il direttore artistico del Napoli Film Festival Mario Violini – proprio per stimolare la curiosità degli spettatori che potranno scoprire piccoli gioielli sconosciuti. Grande attesa c’è poi per i corti e documentari: Schermo Napoli è ormai una vetrina imprescindibile per lanciare i nuovi talenti del cinema napoletano attraverso storie di grande attualità”.

Tanto cinema, ma anche la possibilità di incontrare le stelle del cinema e di ascoltare il loro punto di vista sulla settima arte, il loro percorso artistico. La sezione più attesa è quella degli Incontri Ravvicinati che ogni sera, alle 21, porta in auditorium una stella del cinema contemporaneo. Si comincia domani sera con una serata dedicata alla carriera di Lino Banfi che ripercorrerà le tappe della sua carriera in una conversazione con il giornalista Fabrizio Corallo.

Si prosegue venerdì 14 con un beniamino del pubblico napoletano ora amato in tutta Italia, Alessandro Siani, al cinema in questi giorni con La peggiore settimana della mia vita. I due comici si racconteranno al giornalista Fabrizio Corallo. Da sabato 15 parte un nuovo format degli incontri ravvicinati al Napoli Film Festival: il giornalista Antonio Monda incontrerà Paolo Sorrentino, Paolo Virzì (domenica 16), Giorgio Faletti e Filippo Timi (entrambi lunedì 17) che racconteranno, anche attraverso delle clip, i film che hanno amato, quelli che hanno contribuito a far nascere in loro la passione per il cinema. Per facilitare l’accesso a Castel Sant’Elmo nelle serate del festival è stata disposta l’apertura straordinaria fino alle ore 0.30 della funicolare centrale anche nei giorni di lunedì 17 e martedì 18 ottobre.

“Anche quest’anno – spiega il direttore Davide Azzolini – con gli incontri ravvicinati porteremo grandi star del cinema al castello pronte a creare quell’atmosfera confidenziale che il pubblico napoletano ormai conosce e apprezza. Gli ospiti di quest’anno rappresentano il giusto mix tra autorialità e cinema di intrattenimento”.

Grandi ospiti anche per le lezioni di cinema che si svolgeranno ogni mattina alle 10 in auditorium: a fare da docente per un giorno saranno Maurizio Nichetti, Gipi, Cecilia Mangini, Sergio Staino e Vincenzo Terracciano.

Ma Castel Sant’Elmo diventerà quest’anno anche un grande spazio espositivo. Quattro le mostre allestite negli ambulacri della fortezza: si comincia da I volti del Napoli Film Festival con le foto in grande formato di alcune stelle delle passate edizioni del NFF ritratti da Francesco Esposito, ancora cinema al centro con Castello d’Irpinia – Set cinematografici tra natura e storia di Giuseppe Ottaiano.

Ancora foto con il nuovo concorso lanciato quest’anno dal Napoli Film Festival: FotoGrammi, che, in collaborazione con il Corriere del Mezzogiorno, ha chiesto a professionisti ed appassionati dell’obiettivo di rileggere un’opera cinematografica con una foto. Chiudono il percorso espositivo le due mostre Orbita Ellittica di Ferruccio Orioli e Wormhole/ Buco di verme, di Alessandro Cocchia. Tra le iniziative speciali anche la proiezione di alcune messe in scena di Museum, la rassegna di rappresentazioni teatrali ideate da Renato Carpetnieri.

Il Napoli Film Festival è infine anche un luogo di discussione aperta. A Castel Sant’Elmo si svolgerà infatti domani alle 11 un incontro sul tema dei rifiuti: in collaborazione con il Marano Ragazzi Spot Festival verrà proiettato il film Il signore delle ecoballe di Rosario D’Uonno, a cui seguirà un incontro con il direttore di Legambiente Campania Rosario del Giudice. Martedì 18, sempre alle 11, si svolgerà il convegno Evoluzione del Panorama produttivo e distributivo dell'audiovisivo - Vecchi e nuovi scenari, con il presidente della Film Commission Regione Campania Valerio Caprara e alcuni produttori indipendenti.



Il Napoli Film Festival è organizzato dall’associazione Napolicinema, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il P.S.A.E. e per il Polo Museale della città di Napoli. La rassegna è sostenuta dal Ministero per i Beni Culturali e patrocinata dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©