Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Domani Daniele Silvestri canta ad Acciaroli


Domani Daniele Silvestri canta ad Acciaroli
28/04/2012, 11:04

C’è l’attualità e ci sono i sentimenti, c’è il momento dell’ironia e quello dell’invettiva, c’è il coraggio e c’è la resa. Ma in S.C.O.T.C.H., il progetto musicale di Daniele Silvestri che il cantautore porterà il prossimo 29 aprile a Torre Caleo di Acciaroli all’interno di “VIVIAMOCILENTO: musica, sentieri, sapori – Scoprire una terra per riscoprire se stessi”, soprattutto c’è tutta la sua contagiosa e coinvolgente passione per la musica. ES.C.O.T.C.H., che è stato uno dei grandi eventi musicali del 2011, sarà uno dei punti culminanti di questo Festival tra cielo e mare, tra profumi e sapori, musica e poesia, storia e leggenda, in un programma che si annuncia come un momento di festa, d’incontro, di cultura e di valorizzazione del territorio e dei suoi più veri valori che sarà una delle grandi novità di questa primavera.
E davvero S.C.O.T.C.H.si inserisce perfettamente, con la sua travolgente commistione di umanità, comunicazione coinvolgente, rabbia e sorriso, e tanta tanta musica, all’interno della filosofia di questo Festival. Nello splendido spazio all’aperto di Torre Caleo di Acciaroli, col palcoscenico a pochi metri dal blu del mare, Silvestri presenterà S.C.O.T.C.H. con la band con cui ha costruito tutta la sua storia musicale live: insieme a Daniele, alla chitarra e al pianoforte, i “Soliti noti”, Piero Monterisi alla batteria, Maurizio Filardo alle chitarre, Gianluca Misiti alle tastiere, Gabriele Lazzarotti al basso e Ramon Josè Caraballo alla tromba e alle percussioni, mentre nel disco originale contribuivano anche gli interventi di artisti-amici quali Niccolò Fabi, Pino Marino, Diego Mancino, Raiz, Stefano Bollani, Peppe Servillo e lo scrittore Andrea Camilleri.
S.C.O.T.C.H.prima di tutto è un brano, una sorta di manifesto del disco, di cui rappresenta una perfetta sintesi: attraverso uno stile più cinematografico che di forma-canzone, Lo scotch riproduce appieno la totale libertà che si respira nell’intero album che accoglie e raccoglie sperimentazioni, riflessioni, giochi e “divertissement” di ogni genere con la collaborazione attiva di amici artisti che sono passati in questo disco, lasciando qualcosa di sé, un saluto, un omaggio. S.C.O.T.C.H.è anche il termine scelto per il titolo dell’album: una parola che rappresenta un oggetto di uso comune, quindi spesso pronunciata, ma con un nome molto insolito; così come il disco, che si mostra anomalo e particolare in ogni suo aspetto, ma solo ad un ascolto fatto con attenzione. Infine, c’è lo scotch usato nella foto di copertina: qualcosa che trattiene e che impedisce di andar via, al contrario di ciò a cui Daniele sembra aspirare in alcuni dei brani dell’album. Oltre a questa sua canzone-manifesto, Daniele Silvestri sicuramente farà ascoltare canzoni ormai celebri quali “Le navi”, “Precario è il mondo”, “Io non mi sento italiano”, “L’appello”.
A “VIVIAMOCILENTO”, una serata di grande e travolgente libertà.
 
VIVIAMOCILENTO: scoprire una terra per riscoprire se stessi.
 
Il Festival VIVIAMOCILENTO è un progetto organizzato da: Associazione è-motivi a.p.s., Polis Innovazione & Sviluppo srl, Associazione InQuiete, Slow Work; dai Comuni di: Pollica, Casal Velino, San Mauro Cilento, Serramezzana, Castellabate, Lustra, Perdifumo; con il contributo dell’Assessorato al Turismo della Regione Campania e finanziato nell’ambito del Programma “Il Racconto” PO FESR Campania 2007-2013 Ob. Op. 1.12.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©