Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

All’Auditorium di Scampia

Domenica 16 Dicembre, "Scampia for Africa"


Domenica 16 Dicembre, 'Scampia for Africa'
11/12/2012, 10:06

NAPOLI - Domenica 16 Dicembre, dalle 19.30, all’Auditorium di Scampia, Back Crawl, Natremy e Dixon Hill Dankan, Pino Ceccarelli e i Bisca, insieme, per sostenere Scampia e il quartiere di Sissin in Burkina Faso.

L’Evento

Domenica 16 dicembre, alle 19.30 presso l’Auditorium di Scampia, le associazioni (R)esistenza e ONG Bambini nel Deserto Onlus (sede Campania) organizzano un evento culturale di raccolta fondi per sostenere due importanti progetti: il recupero dell’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato nel quartiere di Scampia e la costruzione di un orfanotrofio e di una scuola di meccanici nel quartiere di Sissin in Burkina Faso.

L’iniziativa vedrà la partecipazione dei giovani del quartiere con uno spettacolo teatrale messo in scena dalla compagnia “Schegge di Scampia Trip Teatro”. A seguire il maxi-concerto finale che vedrà succedersi sul palco: Back Crawl, Natremy e Dixon Hill, Dankan, Pino Ceccarelli e, in chiusura, i Bisca. Lo stesso evento sarà ripetuto nel mese di luglio nel quartiere di Sissin, dove verranno proiettati le immagini e i video della serata organizzata a Scampia. L’idea è creare un un gemellaggio tra le due Municipalità e, al contempo,  l’istituzione di un conto corrente per continuare la raccolta dei fondi destinata ai due progetti.

 

Il Progetto

Scampia e Sissin sono due realtà lontane e per molti aspetti diverse, ma con un unico filo conduttore: Il diritto di vivere un’esistenza dignitosa! La struttura scolastica che sorga a Scampia è nella mani della camorra, abbandonata a sé stessa e attualmente luogo di spaccio di eroina. L’obiettivo è creare un centro culturale polifunzionale per il recupero dell’area, che ormai versa nel più totale degrado, ma anche per donare all’ intero quartiere e, soprattutto ai giovani, la possibilità di poter vivere e lavorare all’interno del centro.

Il progetto che guarda all’Africa, invece, punta alla costruzione di un orfanotrofio e di una scuola di meccanici nel quartiere di Sissin in Burkina Faso, dove le condizioni di vita dei bambini sono sotto la soglia di sopravvivenza. In questi quartieri periferici, soprattutto quelli vicini alla Capitale, Ouagadogou, la mortalità per malattie, denutrizione e il tasso di abbandono dei minori hanno raggiunto proporzioni inaudite e la prospettiva di vita è pessima. Migliaia di bambini sono costretti a fare lavori usuranti per pochi spiccioli al giorno, a mangiare poco e male e ad ammalarsi anche a causa della denutrizione.

Il progetto Scampia, quindi, ha l’ambizione di diventare un esempio di solidarietà e di attivismo concreto, il luogo e il punto d’incontro della società civile e dell’impegno comune.

Le associazioni L’associazione (R)esistenza Onlus opera a Scampia nel quartiere simbolo della periferia italiana ed è impegnata in vari progetti: laboratori di cucina con i rom di Scampia, percorsi di legalità, recupero e sostegno scolastico per scuole elementari e medie, corsi di formazione di I° livello per operatori del sociale.

La ONG Bambini nel Deserto Onlus (sede Campana), opera da dodici anni in Africa Occidentale nella zona del Sahel e sub-sahariana promuovendo diverse iniziative a sostegno della scuola, dell’acqua, dell’alimentazione, della sanità, del microcredito, della migrazione, delle costruzioni di edifici e dell’ agricoltura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©