Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Finora la puntata era sempre stata censurata

Dopo 43 anni, in Germania possono vedere Star Trek "nazista"


Dopo 43 anni, in Germania possono vedere Star Trek 'nazista'
05/11/2011, 15:11

BERLINO (GERMANIA) - Per la prima volta, ieri sera i cittadini tedeschi hanno potuto vedere una puntata della prima serie di Star Trek, che finora era stata censurata. Si tratta di una puntata intitolata "Pattern of force", in cui il capitano Kirk, il signor Spock e il dottor McCoy vanno sul pianeta Eos dove trovano una società nazista (SS, Gestapo e quant'altro) pronta a scatenare una guerra contro il vicino pianeta Zeon (l'accostamento con il termine Zion o Sion, non è un caso). Qui trovano che il dittatore è la persona che sono stati mandati a prendere, uno storico della Federazione di nome John Gill; ma ormai è solo il suo nome che viene utilizzato dall'ambizioso vice, mentre Gill viene tenuto narcotizzato. Naturalmente alla fine si sistema tutto: Gill volente o nolente viene portato via, il vice muore e la Federazione evita l'invasione di Zeon.
Si tratta di una puntata dove ci sono divise naziste a profusione, ma soprattutto dove Gill presenta il nazismo come un regime positivo, rispetto all'anarchia che c'era al momento del suo arrivo. Un concetto che rischiava di essere indigesto nella Germania degli anni '60 e '70; per cui si decise di censurare la puntata.
In realtà, il problema resta sempre quello: quando si valuta una ideologia, conta più l'ideologia o come essa è stata applicata? Perchè il nazismo, così come il fascismo e il comunismo, dal punto di vista ideologico è veramente una buona ideologia: promette sviluppo economico, occupazione, ricchezza per i ceti medi e bassi, e così via. E' chiaro che però il nazismo, nel ricordo di tutti, non è legato alla costruzione dell'Autobahn (l'enorme rete autostradale tedesca) o alla costruzione di altre infrastrutture; non è legato ad un notevole sviluppo tecnologico che pure c'è stato (tutte le invenzioni fino agli anni '70, se si esclude il nucleare, sono nate nella Germania nazista). L'unica cosa che si ricorda del nazismo è solo la parte violenta: le SS, le persecuzioni degli ebrei, i campi di concentramento, di lavoro e di sterminio; la Seconda Guerra Mondiale. E questo è un peccato, perchè si perde di vista una parte importante; la stessa cosa succede con il fascismo. E dal punto di vista storico è un peccato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©