Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Dopo vent'anni con Luca Carboni, esordio da cantante per Mauro Patelli


Dopo vent'anni con Luca Carboni, esordio da cantante per Mauro Patelli
15/06/2012, 09:06

Si intitola Di Bene In Meglio il disco con cui Mauro Patelli esordisce come cantante. Undici canzoni per una idea di sound che ha assorbito, nel corso del tempo, influenze e contaminazioni differenti.

Dopo le collaborazioni in studio e dal vivo con Luca Carboni (con cui suona stabilmente sin dagli esordi), Lucio Dalla, Jovanotti, Gianni Morandi, Jimmy Villotti, Riccardo Sinigallia, Rosario Di Bella, Angela Baraldi, i CCCP e tanti altri, Mauro Patelli sceglie la via pop della canzone per dare voce a un bagaglio musicale ed umano che cominciava evidentemente a traboccare di esperienze. Patelli chiama in studio il cantautore palermitano Francesco Cusumano e realizza con lui un lavoro che strizza l'occhio tanto al rock quanto al pop, tanto all'italian style quanto a certa musica anni '80, trovando coerenza nella forte personalità che permea ogni brano.

Patelli compone tutte le musiche e parte dei testi, affidandosi per le parole degli altri brani alla penna del coproduttore Francesco Cusumano. Ci sono l'ironia, la tivù, l'amore, l'utopia e la quotidianità in questi undici brani, nati lontano dall'eco delle classifiche eppure così immediatamente riconoscibili, orecchiabili, pregnanti. Un'autoproduzione che non suona snob o artificiosamente ricercata, ma che anzi strizza l'occhio all'aspetto più nobile e al contempo democratico dell'accezione “pop”. Un tuffo in sonorità originali e spontanee realizzate col sorriso sulle labbra e con lo spirito del “buona la prima”, specchio di una vita spesa generosamente sul palco.

Tanti i musicisti-amici che hanno collaborato alla realizzazione del disco, strumentisti di straordinario talento, già al fianco di importanti artisti come Vasco Rossi, Patty Pravo, Lucio Dalla, Andrea Bocelli, Samuele Bersani, Gianni Morandi, Tanita Tikaram, Stadio, Paolo Conte, Litfiba, Eugenio Finardi, Federico Poggipollini, Biagio Antonacci, Nek... oltre naturalmente ai musicisti della band di Luca Carboni.

Patelli si conferma con questo lavoro una penna capace e vivace, tanto proiettata nel domani quanto ben radicata in tutte le sue esperienze, cominciando da quei Luti Chroma i cui primi passi risalgono all'epoca d'oro del rock bolognese dei primi anni '80, in cui i compagni d'avventura erano Tullio Ferro (compositore di successi per Vasco Rossi e Lucio Dalla), Ignazio Orlando (validissmo bassista e sound engineer, attivo collaboratore anche in questo album), Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli (divenuti poi leader degli Stadio).

Tracklist:
01 – Non Mi Dispiace
02 – Easy Day
03 – Fuori Classifica
04 – Scusami
05 – Hey Sergey
06 – Nessuna Ragione
07 – Volevo Essere Importante
08 – Aurora
09 – Giorno Per Giorno
10 – Casino Royale
11 – Tatuaggi

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©