Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Ecolamp inaugura "Un'idea ecologica" al Museo Città della Scienza di Napoli


Ecolamp inaugura 'Un'idea ecologica' al Museo Città della Scienza di Napoli
03/05/2012, 16:05

Milano, 3 maggio 2012 – “Un’idea ecologica” è il nome del nuovo spazio espositivo nato dalla collaborazione tra Ecolamp, il Consorzio senza scopo di lucro per la raccolta e il trattamento delle lampade fluorescenti esauste, e Fondazione Idis – Città della Scienza di Napoli, realtà che si colloca tra i principali musei scientifici in Italia. Grazie a questa partnership oggi si inaugura il primo modulo espositivo all’interno del Museo dedicato al tema del riciclo, della raccolta differenziata e del corretto smaltimento delle lampadine di nuova generazione.

Una cornice stimolante per far vivere al pubblico in visita al Museo, composto principalmente da famiglie, bambini o scolaresche, un’esperienza poli-sensoriale unica, di gioco, basata sull’interazione e sulla sperimentazione in prima persona, alla scoperta dell’importanza di recuperare e trattare correttamente le lampadine fluorescenti esauste. Tre i moduli interattivi: nel primo Luigi, addetto dell’isola ecologica, spiega a grandi e piccoli come smaltire in maniera corretta le lampade fluorescenti esauste; nel secondo i visitatori possono “toccare con mano” i materiali che si recuperano dal riciclo delle lampade e ottenere maggiori informazioni sul loro riutilizzo; nel terzo modulo il visitatore ha il compito di comporre in maniera corretta i frammenti con cui si presentano due video, così da poter ricostruire la storia di due divertenti cartoon dedicati al tema del riciclo.

Il coinvolgimento di Ecolamp in Città della Scienza rientra nel progetto happylamp avviato quest’anno con otto principali realtà in Italia, tra musei e parchi tematici, vicini al Consorzio per valori, stile comunicativo e impegno verso la valorizzazione dei temi di ecosostenibilità e rispetto dell’ambiente. Un’iniziativa che nasce con un preciso intento, ossia quello di sensibilizzare adulti e più piccoli sull’importanza della raccolta differenziata delle lampade a basso consumo esauste, attraverso il gioco, l’interazione e il divertimento. Per l’occasione Ecolamp ha chiesto il supporto di un testimonial d’eccellenza: si tratta di Lucius, nuovo personaggio animato creato per aiutare il Consorzio a trasferire quest’importante messaggio, che si potrà incontrare in tutte le realtà coinvolte in happylamp, oltre che sul sito dedicato www.ecolamp.it/happylamp, dove è possibile trovare anche video animati, immagini e appuntamenti da non perdere.

Grazie alla raccolta differenziata delle apparecchiature di illuminazione a basso consumo esauste è possibile recuperare quasi il 100% delle materie prime, quali vetro, plastica e metalli, da destinare ad altri utilizzi, oltre ad evitare la dispersione in ambiente di mercurio, presente in piccole quantità, ma ugualmente nocivo per la salute dell’uomo e dell’ecosistema.

Nel 2011 è cresciuta di oltre il 50% (16 tonnellate nel 2010; più di 25 tonnellate nel 2011) la quantità di lampade a basso consumo consegnate dai cittadini campani presso i centri di raccolta comunali rispetto al 2010 e praticamente raddoppiato il quantitativo ritirato gratuitamente da Ecolamp grazie al servizio Extralamp (10 tonnellate nel 2010; circa 25 tonnellate nel 2011), per un totale di oltre 57 tonnellate di lampade raccolte in Campania, di cui 33 solo a Napoli, compresa la quantità conferita dai professionisti nei Collection Point.

“Un risultato soddisfacente che testimonia come in questi anni sia cresciuta la sensibilità della Regione nei confronti dei rifiuti e in particolare dei rifiuti provenienti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) – dichiara Fabrizio D’Amico, Direttore Generale del Consorzio Ecolamp – Attraverso la collaborazione con Città della Scienza vogliamo contribuire a diffondere conoscenza e cultura sulle modalità di recupero di questa categoria di rifiuti fin nei più piccoli che, oltre a trasferire questi messaggi in famiglia, potranno diventare adulti più responsabili in futuro”.

Fondazione Idis - Città della Scienza di Napoli - da martedì a sabato dalle ore 9 alle 17 e domenica dalle 10 alle 18. Per informazioni: Tel. 081.24.200.24 - www.cittadellascienza.it

E’ il consorzio senza scopo di lucro dedito alla raccolta e al riciclo delle sorgenti luminose a basso consumo esauste. Nato nel 2004 per volontà delle principali aziende nazionali e internazionali del settore illuminotecnico del mercato italiano, Ecolamp agisce nel rispetto del Decreto Legislativo n.151 del 2005, adattamento italiano della Direttiva emanata dall’Unione Europea in tema di trattamento dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).

Ad oggi sono 140 i produttori di apparecchiature di illuminazione associati ad Ecolamp, che rappresenta una quota del mercato delle sorgenti luminose pari a circa il 65 per cento.

La gestione di un corretto sistema di raccolta e trattamento delle lampade a basso consumo esauste è in grado di garantire vantaggi ambientali, sanitari ed economici, dal momento che si tratta di prodotti riciclabili fino al 95%, che contengono tuttavia piccole quantità di mercurio, sostanza inquinante da non disperdere nell’ambiente. Con happylamp il Consorzio Ecolamp intende quindi trasmettere con uno stile giocoso e spensierato un messaggio importante come la consapevolezza del risparmio ambientale che un semplice gesto regala.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©