Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Editoria: Dedicata alle storie di migranti la nuova agenda di Gesco edizioni


Editoria: Dedicata alle storie di migranti la nuova agenda di Gesco edizioni
12/10/2009, 13:10


È dedicata ai clandestini e alla famiglia di Petru, cui andrà parte del ricavato delle vendite, agendo 2010 la nuova agenda di Gesco edizioni che si presenta mercoledì 14 ottobre 2009 alle ore 11.00 alla Feltrinelli Libri e Musica di Piazza dei Martiri a Napoli.
Iniziativa sociale e culturale insieme, agendo per questa sua quinta edizione dà volto e voce a uomini e donne arrivati da altri Paesi in Italia, dove sono riusciti a trovare una dimensione sociale, culturale e umana nuova.
Aly (Burkina Faso), Zhang (Cina), Sonia (Colombia), Yousuf (Marocco), Ndary (Senegal), Fernando (Srilanka), Nicole (Romania), Sofia (Ucraina), Svetlana (Moldavia), Ibrahim (Egitto), Sintayau (Eirtrea), Marisabel (Perù): dodici storie per dodici mesi e dodici Paesi, con testimonianze raccolte da Guido Piccoli, fotografie di Martin Errichiello, grafica e ricerca immagini a cura di Studio Eikon.
«Oggi viviamo in un Paese dove la parola “clandestino” è la parolaccia con cui si bolla un universo intero. È per questo che dedichiamo l’edizione 2010 di agendo a tutti i clandestini d’Italia, e alle persone che, con le loro storie e la loro vita, tutti i giorni costruiscono la nostra storia». (Sergio D’Angelo, presidente di Gesco).
Interverranno alla presentazione: l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli Giulio Riccio; il presidente di Gesco Sergio D’Angelo; il curatore dell’agenda Guido Piccoli; l’esperto di politiche e interventi per l’immigrazione Andrea Morniroli della cooperativa sociale Dedalus. L’incontro sarà introdotto e moderato dallo scrittore e giornalista Francesco De Filippo, autore del volume “Quasi uguali” e studioso delle questioni migratorie. La lettura di brani dell’agenda sarà affidata all’attrice Elena Fattorusso. È prevista, infine, la proiezione del filmato Racconti minori di Mario e Stefano Martone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©